sabato 31 marzo 2018

Juventus-Milan: senza Mandzukic, Matuidi gioca più avanti

Mettiamola così, via: l’infortunio di Mario Mandzukic (nulla di preoccupante, da bollettino medico: una contusione in allenamento) semplifica in un certo senso le cose a Massimiliano Allegri in termini di scelte. Quantomeno riduce le possibilità e i dubbi tattici. Senza l’attaccante croato, si va tendenzialmente verso ad un 4-2-3-1 tendente al 4-4-2 con Blaise Matuidi nel ruolo di jolly tra centrocampo e corsia esterna. Una soluzione già adottata dal tecnico livornese, come ad esempio nel successo del San Paolo contro il Napoli. Dunque, ricapitolando, si riparte da Gigi Buffon in porta e dal recuperato Giorgio Chiellini: nella linea a quattro di difesa “il gorilla bianconero” (che aveva saltato la Nazionale per un fastidio muscolare) giostrerà in coppia con Benatia, con Lichtsteiner (in vantaggio su De Sciglio) e Asamoah (Alex Sandro è ai box, indisponibile) come terzini. In mediana partono in pole position Miralem Pjanic (sicuro: salterà già il match d’andata contro il Real Madrid) e Sami Khedira. In zona più offensiva, invece, come anticipato, una sorta di trequarti a tre con Douglas Costa, Paulo Dyabala e Matuidi alle spalle di Gonzalo Higuain. Al brasiliano Allegri ha chiesto di puntare con più conovinzione la porta: «Ha doti che hanno pochi al mondo, se le sfrutta cercando il gol può segnare molto di più...». Possibile uno spezzone di gioco per Cuadrado, al rientro, nel finale di partita se le cose dovessero mettersi in un certo modo. (Tuttosport.com)

Nessun commento: