giovedì 19 ottobre 2017

Champions, Juventus-Sporting Lisbona 2-1

Una lunga rincorsa, una vittoria sofferta che vale doppio. La Juventus batte 2-1 lo Sporting e riprende il cammino alle spalle del Barcellona nel girone di Champions. Una gara durissima, con lo svantaggio sull’autogol di Alex Sandro, poi il pari di Pjanic con una splendida punizione, la specialità della casa. Nella ripresa, grande equilibrio fino alla mossa che cambia il match, nel finale: dentro “Flash” Douglas Costa e cross per Mandzukic che di testa buca la rete e regala il vantaggio ai campioni d’Italia. Un urlo liberatorio, per il croato, per la squadra, per lo Stadium in fondo a un incontro complicato e non certo brillantissimo. A tratti, la Juve è sembrata molle e con poca benzina nelle gambe, con Dybala irriconoscibile anche nelle conclusioni, senza la solita adrenalina. Higuain per lo meno ha combattuto, sacrificandosi in lungo e largo, come SuperMario. Ma alla fine, conta il risultato che copre tutte le problematiche: tre punti d’oro rischiando anche qualcosa in conclusione di gara, con Doumbia che manca l’appuntamento di un soffio. Un sospiro di sollievo per tutti, con Allegri che si fionda nel tunnel non proprio soddisfatto. Da valutare l’infortunio di Benatia, da arginare il nervosismo di Khedira che non prende bene la sostituzione. (Tuttosport.com)

Nessun commento: