mercoledì 20 settembre 2017

Juventus-Fiorentina 1-0. Basta un gol di Mandzukic

Si ferma Dybala, rallenta l’attacco dopo 13 gol in quattro partite, ma non si ferma la Juventus, che batte la Fiorentina e resta in vetta a punteggio pieno assieme al Napoli. Allegri aveva chiesto di non concedere tiri e Szczesny non ha fatto una parata, anche se i bianconeri hanno gestito male il finale, tanto che il tecnico è uscito arrabbiato.  Immutata in avanti e rivoluzionata da metà campo in giù, con Szczesny al posto di Buffon, Bentancur al posto di Pjanic e il solo Rugani confermato in difesa rispetto alla vittoria sul Sassuolo, la Juventus ha iniziato con personalità, prendendo subito il controllo. E di personalità ne ha mostrata tanta Bentancur, sempre pronto a farsi trovare dai compagni e a impostare con precisione e idee non banali. Dopo dieci minuti difficili, in cui Dybala ha sfiorato il gol su punizione (fallo ingenuo di Pezzella su Mandzukic), la Fiorentina ha però saputo compattarsi e chiudere tutti gli spazi. La Juventus ha rischiato qualcosa solo su un pallone che Rugani si è ingenuamente fatto rubare da Simeone, costringendo Barzagli al fallo, e su un contropiede sprecato da Simeone (passaggio sbagliato per Chiesa), ma ha anche creato poco. Partita di nuovo forte dopo l’intervallo, nella ripresa la squadra di Allegri ha saputo capitalizzare lo scatto inizale: magnifico cross teso di Cuadrado da destra, mancato per un soffio da Higuain in spaccata sul primo palo ma sfruttato di testa in tuffo da Mandzukic sul secondo. Pioli ha subito aumentato il potenziale offensivo con Gil Dias per Benassi e la maggior pressione viola ha indotto Sturaro a un paio di errori, cancellati dai compagni, ma ha anche aperto qualche spazio in più. Così al 20’ Matuidi si è incuneato a sinistra costringendo Badelj al fallo: da rigore secondo Doveri, che poi però ha cambiato idea grazie al Var. Giustamente perché il fallo era fuori area, ma è costato comunque il secondo giallo a Badelj. La Juventus avrebbe potuto subito sfruttare la superiorità numerica, ma Mandzukic ha sprecato da ottima posizione un altro cross dello scatenato Cuadrado, il migliore assieme a Bentancur. Con l’uomo in più Allegri ha colto l’occasione per far rifiatare Dybala e poi il colombiano, concedendo 10 minuti a Bernardeschi contro la sua ex squadra. In campo fino alla fine, invece, Higuain, che non riesce a sbloccarsi. Juve ancora a punteggio pieno dopo la quinta giornata di campionato. (Tuttosport.com)

Nessun commento: