martedì 26 settembre 2017

Juve, Andrea Agnelli resta presidente. Ma niente spogliatoi e Figc

Niente spogliatoi e nessuna rappresentanza per conto della Juventus football club, società di cui comunque Andrea Agnelli resta presidente. La condanna del n. 1 juventino comporterà, secondo l'art. 19 del Codice di giustizia sportiva, il divieto di rappresentare la società di appartenenza in attività rilevanti per l'ordinamento sportivo nazionale e internazionale. Inoltre, Agnelli non potrà partecipare a qualsiasi attività degli organi federali e, come detto, sarà interdetto all'ingresso negli spogliatoi, ma anche nei locali annessi in occasione delle partite di calcio, anche amichevoli, in ambito Figc, con eventuale richiesta di estensione per Uefa e Fifa. Inoltre, gli viene impedito di partecipare a riunioni con tesserati Figc o con agenti di calciatori in possesso di licenza Fifa. Il presidente del sodalizio bianconero, tuttavia, potrà ancora sedere sia sulla poltrona dell'Eca (l'Associazione dei club europei) che dell'Esecutivo Fifa.
NOTA DELLA SOCIETA: «Juventus Football Club, preso atto dell'odierna decisione del Tribunale Federale Nazionale, preannuncia ricorso presso la Corte Federale di Appello nella piena convinzione delle proprie buone ragioni, che non hanno ancora trovato adeguato riconoscimento. La società esprime la propria soddisfazione perché la sentenza odierna, pur comminando pesanti inibizioni nei confronti del Presidente e delle altre persone coinvolte, ha dopo ampia valutazione del materiale probatorio acquisito escluso ogni ipotesi di legame con esponenti della criminalità organizzata. Juventus Football Club ha fiducia nella giustizia sportiva e ribadisce di aver sempre agito in un percorso condiviso con le Forze dell'Ordine con l'obiettivo di contribuire alla piena salvaguardia della sicurezza e dell'ordine pubblico».

Nessun commento: