sabato 19 agosto 2017

Juventus-Cagliari 3-0. Mandzukic, Dybala, Higuain

Si riparte con i bianconeri campioni d’Italia subito lanciati, con il successo allo Stadium sul Cagliari per 3-0 e la missione di arrivare al settimo scudetto consecutivo avviata con una prova d’autore. Di Mandzukic, Dybala (nel primo tempo) e Higuain i gol da applausi. E Buffon, nel momento della piccola crisi, a parare su Farias prima in azione e poi dal dischetto al 39’. Sì, il primo rigore concesso dal Var per fallo di Alex Sandro su Cop. Capitano subito sul pezzo, come la squadra di Allegri. Qualche tentennamento in difesa c’è, e ci sta. Rugani fa il Bonucci e il centrocampo non copre al massimo. Ma il risultato arriva in scioltezza. Poi, nella ripresa c’è spazio per il 4-3-3 con l’esordio di Matuidi e quindi quello di Douglas Costa. Il Pipita non è ancora al top, però segna un bel gol. La Joya invece ha già il mancino caldo. E SuperMario fa il suo. Come Lichtsteiner, a destra con grinta e pronto a sfornare l’assist decisivo. Insomma, è la Juve dei “vecchi” che non tradiscono. E per i nuovi si aspettano le prossime gare. Intanto, si ricomincia con i tre punti in classifica e le altre a inseguire. Non male come risposta dopo le critiche successive alla sconfitta in Supercoppa contro la Lazio. E la condizione fisica crescerà per i gironi di Champions.Tocca a Rugani fare il Bonucci. Tutti i nuovi partono dalla panchina. Allo Stadium il solito pienone per sostenere la Vecchia Signora. E il minuto di silenzio per ricordare le vittime di Barcellona che viene interrotto da un lungo e sentito applauso. L’avvio è bianconero. Al 12’ la sblocca Mandzukic con perfetta scelta di tempo in girata su passaggio di Lichtsteiner. Perfetto SuperMario, a modo suo, di prepotenza. Al 35’ la clamorosa occasione di Faragò che a porta vuota alza troppo dopo parata di Buffon su Farias. Incredibile chance buttata al vento per i sardi. Che si ripetono al 37’ e chiedono il rigore per intervento di Alex Sandro su Cop. Passa un po’ e l’arbitro Maresca va dal Var (la prima volta in Serie A). Ok, è penalty. Dal dischetto Farias e Buffon para. Per il Cagliari massimo dell’autolesionismo. Per il capitano bianconero massimo dell’onore in quella che potrebbe essere la sua ultima stagione. Dybala al 46’ firma il raddoppio (il Cagliari chiede il Var per il controllo che sembra di mano, il direttore di gara dice “abbiamo controllato”). Si chiude così il primo tempo, con la Juve avanti 2-0. Nella ripresa Dybala fa traballare la traversa con tiro a giro di sinistro: splendido e Stadium in piedi ad applaudire. Khedira pronto ad entrare per Marchisio dopo il primo quarto d’ora. Al 21’ l’exploit del Pipita: 3-0 con Higuain che scarica in porta una bel tiro in diagonale di sinistro. Sul velluto, ecco l’esordio assoluto di Matuidi in maglia bianconera, e in Serie A: minuto 25, fuori il Pipita. Per l’argentino l’abbraccio di Allegri a bordocampo. E la Juve passa al 4-3-3. Al 29’ esce Cuadrado e debutto nel campionato italiano per Douglas Costa. Dybala sfiora il poker. La Juve dei vecchi vince 3-0, i nuovi si inseriranno per gradi. 35 vitttorie e due pari allo Stadium, tanto per allungare la striscia. (Tuttosport.com)

Nessun commento: