sabato 22 ottobre 2016

Milan-Juventus 1-0. Rizzoli sbaglia, Locatelli no

La Juve merita la sconfitta perché non gioca da Juve. I rossoneri di Montella, invece, sono perfetti e sfruttano al meglio la beata gioventù. E Donnarumma, il fenomeno, vola alto a deviare il tiro di Khedira, in fondo. Questa è svolta. E alla Scala, per Allegri è il secondo ko in campionato, dopo quello con l’Inter. I campioni d’Italia pagano lo scotto dell’infortunio di Dybala e la serata non eccelsa di Higuain. In generale, non una prova all’altezza. Anzi. Il tecnico bianconero dovrà richiamare la squadra all’ordine: non si può mai mollare, tantomeno contro avversari che corrono. E che adesso in classifica sono a -2. La prima palla gol è per Dybala, ma in posizione di fuorigioco. Donnarumma si mostra subito reattivo. Al 9’ prontissimo anche Buffon su Suso, dopo azione “cattiva” del Milan. Gigi tempista poi su Niang. Il botta e risposta è continuo: questa volta Donnarumma su Alex Sandro. Al 22’ la stoccata al volo di Dybala è bloccata da Gigio. Insomma, gara con ritmo e tante conclusioni alla Scala del calcio. Si susseguono le mischie: in una Paletta spara e la deviazione in angolo è provvidenziale per la Juve. Il match è anche duro il giusto. La Joya tenta il pallonetto a Donnarumma da lontano, si “pizzica” la coscia ed è costretto ad uscire. Dentro Cuadrado, lo spezzapartita. L’argentino in panchina quasi piange, quasi… Ma in campo i compagni gli danno la carezza con il gol di Pjanic su punizione. Attimi di conciliabolo e Rizzoli annulla, suscitando le proteste dei bianconeri. Il fischio, dopo domande ai collaboratori, per la posizione di Bonucci davanti a Donnarumma, ma il difensore scatta a tempo (è il compagno Benatia quello irregolare, ininfluente all’azione). Giallo al bosniaco che reagisce a parole. Poi tocca al Milan andare in percussione, e Barzagli risolve. Dall’altra parte, un errore di Abate rischia di mandare a rete Khedira. Il primo tempo finisce così 0-0: con le proteste dei bianconeri. Pronti via e Higuain gira a rete, fuori con brividi. Giallo al portiere rossonero che esce e cerca di perdere tempo per rientrare, scagliano il pallone lontano. Bene Benatia in recupero, un muro juventino il marocchino. Cuadrado finalmente prova lo punto, uno contro uno, ma spara alto. E a bordocampo si scalda Marchisio che non gioca dal 17 aprile, prima del ko al ginocchio. Khedira risolve una mischia ma tira altissimo. Insomma, il risultato non si schioda. Finché al 20 baby Locatelli fa le cose per bene e buca Buffon con un gran gol, il suo secondo in Serie. San Siro esplode di gioia per l’exploit del suo giovane regista. E Bacca prova il bis: sbroglia Barzagli. Adesso è bagarre con il Milan che prova i contropiede e la Juve costretta al forcing. Al 36’ Gomez sostituisce Locatelli, applauditissimo dallo stadio.  Al 39’ Pjanic prende Donnarumma con una scarpata: paura per il portiere. Sturaro prende il posto di Hernanes. Neppure Mandzukic porta certezze là davanti per Allegri. Khedira ci prova al 49’ ma Donnarumma vola alto. Spettacolare, il baby portiere. E San Siro è tabù per la Juve. Applausi, invece, ai ragazzini di Montella a -2 dai bianconeri. (Tuttosport.com)

Nessun commento: