lunedì 8 agosto 2016

Juve, incanta Dani Alves. 3-2 sul West Ham

Doveva essere il Pipita day, è diventato il battesimo di Dani Alves, che non doveva essere scoperto a Londra nell’amichevole del West Ham, ma ha lo stesso incantato il popolo bianconero dipingendo calcio e dimostrando tutto il suo spessore internazionale anche in una partita molto amichevole come quella per inaugurare il nuovo stadio del West Ham. L’ispirazione di Dani Alves è ben sfruttata da Dybala e Mandzukic, la cui intesa è brillante come la condizione atletica. Pjanic davanti alla difesa è ordinato e raffinato, ma rivedibile in fase difensiva. Già, la fase difensiva: qualcosa è da registrare, ma in fondo ieri non c’era neppure uno della BBC al primo minuto. Al 18’ la parabola perfetta di Alves finisce sulla testa di Mandzukic, torre per Dybala che si inserisce nella soffice difesa del West Ham e inchioda Adrian con un diagonale. Al 21’, sempre Alves disegna un altro arco perfetto a pescare Dybala che si sposta a destra e fabbrica un assist per Mandzukic, libero davanti alla porta. Fin troppo facile, ma il popolo bianconero giustamente gode, perché le intese fra i campioni sembrano naturali, senza quasi bisogno di provare. Un concorso di colpa fra Alex Sandro (che non chiude la diagonale su Carrol) e Rugani (che da Carrol si fa sovrastare di testa) porta al 2-1 al 34’. Al primo minuto della ripresa entra Gonzalo Higuain, dando inizio alla sua era in bianconero, ma è il West Ham che pareggia ancora con Carrol che questa volta sfugge a un distratto Benatia al 7’ st. Ed effettivamente qualcosa da registrare nella fase difensiva con lo schieramento a quattro c’è. Così come anche Gonzalo Hiaguain deve trovare forma e intesa con i compagni. I suoi primi 45’ con la nuova maglia non passeranno alla storia se non per l’impegno con il quale cerca di inserirsi senza essere supportato da una condizione adeguata. Decisamente più tonico Zaza che segna un bel gol per la vittoria bianconera al 40’ della ripresa su lancio perfetto di Marrone e molto più divertente Pjaca, sul quale ci sarebbe anche un rigore. Con le squadre stravolte dalle sostituzioni si chiude con un filo di confusione in campo. Ma la Juventus porta a casa una vittoria, molti segnali positivi e qualcosa sulla quale lavorare nei prossimi giorni. (Tuttosport.com)

Nessun commento: