mercoledì 20 aprile 2016

Juventus-Lazio 3-0. Mandzukic e doppietta Dybala

E’ il conto alla rovescia verso il quinto scudetto consecutivo, per entrare nella storia. Nella prossima giornata, per la Juventus arriverà il primo match ball per il titolo. Battuta la Lazio 3-0 allo Stadium, infatti, i punti sul Napoli sono tornati 9. Se i bianconeri vinceranno con la Fiorentina domenica e il Napoli non farà altrettanto lunedì a Roma, sarà festa in un giorno insolito per la banda Allegri. Anche contro la squadra di Inzaghi, campioni d’Italia straripanti: sblocca Mandzukic che si libera della maschera, poi si scatena Dybala con una doppietta. Per l’argentino 16° gol in campionato, da vero big. Per la Vecchia Signora successo numero 23 in 24 match. Inarrestabili, da applausi, senza rivali. Sugli scudi il gruppo, compatto e senza difetti, tanto che nessuno ricorda gli infortunati, che sono di un certo livello visto che si tratta di Chiellini e Marchisio. Rugani ormai è un “veterano”, Alex Sandro una sicurezza. E davanti attenti a quei due, gli spietati: SuperMario e la Joya. E Pogba (tra l’altro, 5 assist in tre gare) è davvero l’uomo da cento milioni di euro. Ma tutti meritano una citazione, anche Hernanes, il Profeta bistrattato che quando ha giocato ha sempre dato un buon contributo alla causa. E dietro il muro è ormai invalicabile. Max Allegri mette Dybala-Mandzukic in attacco, Hernanes in regia al posto dell’infortunato Marchisio che ne avrà per 6 mesi. Questi gli undici di partenza: Buffon, Barzagli, Bonucci, Rugani, Lichtsteiner, Khedira, Hernanes, Pogba, A. Sandro, Mandzukic, Dybala. La Lazio di Inzaghi ha il tridente: Marchetti; Patric, Hoedt, Gentiletti, Lulic; Parolo, Biglia, Onazi; Felipe Anderson, Djordjevic, Keita. Al 9’ la prima occasione da gol per i bianconeri: missile di Dybala di sinistro ribattuto. E poi Pogba costringe alla parata Marchetti. Intanto, Mandzukic si toglie la maschera. E Alex Sandro sfiora l’incrocio con un sinistro bomba d’esterno. Al 21’ il Polpo Paul sbaglia un gol davanti a Marchetti, da non crederci. Ancora il portiere laziale protagonista su conclusione di Dybala. Risponde la Lazio su un cambio di gioco, senza esito l’azione di Djordjevic. Strepitoso Lulic a interrompere i bianconeri, poi Khedira spedisce alle stelle. Sempre Marchetti decisivo per fermare Dybala. Al 39’ passa la Juve con  Mandzukic di sinistro in scivolata con assist di Pogba. Per il croato gol numero 9 in campionato, 12 in stagione. Giallo a Patric che stende proprio SuperMario. Al 4’ doppia ammonizione per Patric che non molla Dybala e viene espulso. Lazio in dieci. Marchetti in tuffo sulla punizione del Profeta: puntuale e bravissimo, come sempre. Rigore per la Juve al 6’: Bonucci trattenuto da Lulic. Gol di Dybala al 7’, dagli undici metri: 15° sigillo in campionato. Juve avanti 2-0. Poi la Joya si ripete: 3-0 al 19’ e gol personale numero 16 in campionato. Marchetti respinge un tiro dell’argentino, scatenatissimo. Poi i bianconeri controllano in sicurezza. E nel prossimo turno di campionato, con la Juve a Firenze e il Napoli a Roma, sarà primo match ball scudetto per gli uomini di Allegri. (Tuttosport.com)

Nessun commento: