domenica 15 novembre 2015

Juve, con le nazionali riposano gli attaccanti

Se non segnano, meglio che si riposino. Massimiliano Allegri non lo dirà mai, ma siccome è abituato a guardare il bicchiere mezzo pieno c’è da scommettere che il pensiero gli sia frullato in testa nelle ultime ore. Il bilancio è parziale, ma intanto dopo il primo round di partite nazionali gli attaccanti della Juventus complessivamente non hanno giocato nemmeno mezzora. Tutt’altro che una brutta notizia a meno di una settimana dal big match di sabato prossimo contro il Milan. Simone Zaza è stato quello più impiegato tra i bianconeri con i suoi 14 minuti (recupero compreso) in Belgio-Italia. Già, perché se Paulo Dybala si è dovuto accontentare degli ultimi spiccioli del superclassico tra Argentina e Brasile (è entrato all’81), Alvaro Morata la vittoria della sua Spagna contro l’Inghilterra l’ha vissuta interamente dalla panchina. Soltanto il divano per Mario Mandzukic: nessuna bocciatura, semplicemente durante questa pausa la Croazia ha in programma un solo incontro (martedì contro la Russia). Quintetto chiuso da quel Juan Cuadrado, che a differenza dei compagni - causa squalifica - non si è dovuto nemmeno mettere in viaggio per la Colombia. Nelle prossime partite - a parte Cuadrado - troveranno quasi tutti maggior spazio, ma a questo punto il rischio che si presentino a Vinovo spompati è molto basso. Al netto di fuso orario (per Dybala) e condizione (per tutti), Allegri potrà contare su un reparto reduce da un buon rodaggio internazionale e non da una full immersion sfiancante. (Tuttosport.com)

Nessun commento: