sabato 3 ottobre 2015

Juve, Lichtsteiner operato. Resterà fermo un mese

La Juve perde Lichtsteiner per un mese dopo l'operazione, resasi indispensabile a causa delle difficoltà respiratorie. Lo svizzero potrebbe tornare disponibile per il derby di Torino, in programma a inizio novembre. "Stephan Lichtsteiner durante la gara Juventus-Frosinone ha accusato difficoltà respiratorie dovute ad un'aritmia cardiaca benigna (flutter atriale) spontaneamente risoltasi. Gli accertamenti e le consulenze specialistiche effettuate nei giorni successivi hanno indirizzato verso una soluzione chirurgica della patologia. Nella giornata di ieri il Prof. Gaita ha effettuato l'intervento di ablazione e i tempi per il pieno recupero agonistico sono stimabili in 30 giorni". Il cardiologo Francesco Fedele commenta la notizia del calciatore della Juventus Stephan Lichtsteiner, sottoposto a un intervento di ablazione in seguito a difficoltà respiratorie. La ripresa fisica dopo interventi di questo tipo dipende molto dalla diagnosi che è stata fatta prima perché «se l'aritmia è data da fibrillazione atriale, bisogna vedere in che forma si manifesta. Se parliamo di fibrillazione isolata non ci sono grandi problemi ma invece se si stratta di fibrillazione sostenuta da patologia allora ci sono delle miocardiopatie e la situazione si complica». Nel caso di Stephan Lichtsteiner, l'ipotesi più probabile è che si tratti di sindrome Wolff-Parkinson-White, una sindrome che può colpire persone di tutte le età, compresi i neonati. Nella maggior parte dei casi, gli episodi di tachicardia non sono pericolosi per la vita, ma a volte possono verificarsi seri problemi di cuore.

Nessun commento: