domenica 23 agosto 2015

Juventus-Udinese 0-1. E mancato il cinismo sotto porta

Théréau buca Buffon e l’Udinese sbanca lo Juventus Stadium alla prima di campionato. Un chiaro colpo a sorpresa dopo il dominio dei bianconeri. Decisive le mosse di Colantuono che fa entrare Zapata e Kone e i due spaccano il match. La squadra di Allegri paga carenze ed emergenze del momento. Manca la regia, mancano gli specialisti dei calci piazzati e anche sui corner c’è da lavorare. I friulani giocano una gara di puro contenimento e alla fine colpiscono duro, rischiando anche il raddoppio. Non bastano gli inserimenti di Dybala e Llorente. E la sconfitta è servita: non era quasi mai successo ai bianconeri di perdere al debutto. Era successo a Bari nel 2010 con Del Neri in panchina, ma si trattava di una fase di ricostruzione totale (e comunque per lo Stadium è una prima volta storica). Applausi all’Udinese che certo non ruba nulla, però. L’arrivo di Cuadrado regalerà un po’ di fantasia ai campioni d’Italia. E sarà magari la svolta. Ma c'è da lavorare. Una volta queste partite le risolveva... Pirlo. Max Allegri fa i conti con gli infortuni e sceglie Coman dall’inizio con Mandzukic, proprio come in Supercoppa a Shanghai, con Dybala inizialmente in panchina. Pereyra sorpassa Sturaro come interno. Il muro è quello solito con Barzagli, Bonucci e il recuperato Chiellini. Padoin si piazza al centro davanti alla difesa. L’Udinese si affida al veterano Di Natale. La Juve cerca spazi, l’Udinese è chiusa e compatta. Difficile per Padoin produrre gioco, anche perché ha sempre l’uomo addosso. Al 9’ azione concitata dei bianconeri con Mandzukic e lo stesso Padoin pericolosi. Bel duetto Coman-Mandzukic, con palla in angolo in salvataggio su Pereyra al 12’. La Vecchia Signora pressa, ma il corner è calciato malissimo: quasi un cliché negativo del pomeriggio. Al 14’ Padoin quasi sbaglia un rigore in scivolata di sinistro, non trova forza e tira centrale, prendendo pure un colpo. Clamorosa carambola di Mandzukic al 17’, ma la porta sembra stregata. Due minuti dopo tiro di Pogba con deviazione. E come in Supercoppa, Dybala prende il posto di Coman. E’ assedio della Juve alla porta difesa da Karnezis. Una sola squadra in campo. E Duvan Zapata prende il posto di Totò Di Natale nella squadra ospite.  Stupendo in difesa Bonucci al 23’ su Zapata con lo Stadium che applaude. Altro colpo di testa di SuperMario: alto. Splendido Dybala per Pogba che sbaglia la conclusione. L’argentino però è davvero di un altro livello, anche rispetto a Coman, e lo dimostra nelle giocate. Tutta la Juve attacca, Zapata cerca il contropiede. Bello spunto di Evra, ma Karnezis c’è. Al 33’ la beffa. L’Udinese colpisce con Thereau - bravo Kone nell’assist - e Buffon è battuto. Lichsteiner si è perso il francese, peraltro il migliore dei suoi. Subito, allora, Allegri cerca di cambiare con Llorente in campo per Pereyra. Ma Thereau e Kone spaventano ancora la Juve. Fuori Lichtsteiner, dentro Isla, altro ex. Juve iper offensiva per cercare la rimonta. Bonucci sfiora il gol dei suoi, ma la palla è a uscire. Iturra le spazza tutte, nell’assedio finale. Assedio rotto dai soliti Zapata e Thereau, con Widmer che impegna Buffon. Il bis è sfiorato. Non bastano 5’ di recuero alla Juve per il pari. C’è da lavorare e Cuadrado darà una mano. (Tuttosport.com)

Nessun commento: