mercoledì 15 luglio 2015

Calciopoli: assolto Moggi, non diffamò Facchetti

Il tribunale di Milano ha assolto l'ex Dg della Juventus Luciano Moggi dall'accusa di aver diffamato in una trasmissione tv l'ex presidente dell'Inter Giacinto Facchetti (morto nel 2006). Il processo si era trasformato in una sorta di riedizione in tono minore del caso calciopoli. L'ex direttore della Juventus ha subito twittato: «Tribunale Milano Gf Facchetti vs @LucianoMoggi : Assolto perché il fatto non sussiste». "Finalmente ho avuto giustizia". Così, stando a quanto riferito dall'avvocato Maurilio Prioreschi, Luciano Moggi ha commentato la sentenza del tribunale di Milano che lo ha assolto dall'accusa di aver diffamato l'ex presidente dell'Inter Giacinto Facchetti. L'ex Dg della Juventus non era presente in aula perché, come spiegato dal legale, "dato il caldo ha preferito andare al mare". Il difensore ha spiegato che per lui è arrivata l'assoluzione perché "ha riferito un fatto vero e in modo oggettivo".  Luciano Moggi, prosciolto lo scorso marzo per prescrizione dalla Cassazione nel processo sul caso Calciopoli, era accusato di diffamazione nei confronti di Giacinto Facchetti per alcune affermazioni rese nella trasmissione tv 'Notti magiche' del 25 ottobre 2010. In particolare, Moggi, nel programma parlò di "telefonate" di Facchetti relative alle "griglie" arbitrali e di una "richiesta" da parte dell'allora presidente nerazzurro "ad un arbitro di vincere la partita di Coppa Italia con il Cagliari". Il processo è scaturito dalla querela presentata da Gianfelice Facchetti, uno dei figli di Giacinto e assistito dal legale Corrado Limentani. Il pm Elio Ramondini aveva chiesto per Moggi una condanna a 10 mila euro di multa, parlando del "sistema Moggi" accertato dalla Cassazione e di una strategia difensiva mediatica per coinvolgere anche Facchetti "in una sorta di 'così fan tutti'". Anche oggi nel corso delle repliche il pm ha spiegato che "il sistema Moggi ha tradito e minato alle fondamenta l'essenza del calcio e non è possibile attribuire a persone terze la realizzazione di questo sistema". Oggi il giudice della quarta sezione penale Oscar Magi ha assolto Moggi con la formula "perché il fatto non costituisce reato".

Nessun commento: