martedì 4 novembre 2014

Champions, Juve col 4-3-1-2. Morata-Tevez in attacco

Piove senza tregua da questa mattina, ma il campo dello Stadium è coperto da un telone e il drenaggio ha già dato dimostrazione di funzionare molto bene nell’impianto bianconero. Nessun rischio, quindi, di rinvio della partita che si giocherà su un campo pesante, ma non ai limiti dell’impraticabilità. Durante la rifinitura di questa mattina Allegri ha provato una formazione che potrebbe essere quella di questa sera, alla luce del fatto che Asamoah sembra farcela, Ogbonna no. L’idea è un 4-3-1-2 con Lichtsteiner, Bonucci, Chiellini e Asamoah nella linea difensiva (il ghanese torna a fare il terzino sinistro dopo averlo fatto la scorsa stagione contro il Real Madrid). A centrocampo Vidal, Pirlo e Marchisio, Pogba in una posizione di trequartista (dove potrebbe disimpegnarsi anche Marchisio), Tevez e Morata in attacco. La Juve non ha mai perso sia l’andata che il ritorno contro la stessa squadra nel girone iniziale. L’Olympiacos viene da tre sconfitte di fila in trasferta in questa competizione, con un solo gol segnato in questo parziale. I greci sono imbattuti da quattro partite, in sfide Champions, contro un'avversaria italiana: l'ultima partita l'hanno vinta a Roma nel novembre del 2007 contro la Lazio, per 2-1.  La Juve ha matenuto la porta imbattuta in 12 delle ultime 20 sfide nella fase a gironi, segnando in 19 di queste. Sette degli otto gol di Carlos Tévez in questa competizione sono arrivati tra le mura amiche. (Tuttosport.com)

Nessun commento: