mercoledì 8 ottobre 2014

La ripresa a Vinovo con i resti della Juve

I bianconeri di Massimiliano Allegri hanno chiuso il primo mini ciclo stagionale nel modo migliore: 3-2 alla Roma e primo posto solitario in classifica. Ma il successo contro i giallorossi ha avuto un respiro anche più ampio. La Juve è arrivata al big match dello Stadium con alle spalle il ko di Madrid, ma ha dimostrato ancora una volta di essere una squadra tosta, prima che forte. Evidenziando l’equilibrio di un gruppo che, quando prende un’imbarcata, sa regolarmente reagire al meglio. Mettendo in campo qualità tecniche e fisiche, ma soprattutto facendo leva su una forza mentale unica. Opportuno, dopo la dispersione di energie delle ultime settimane e con davanti a sé una quindicina di giorni liberi da gare ufficiali per gli impegni delle varie nazionali, che Allegri abbia deciso di concedere un paio di giorni di riposo ai giocatori. Almeno ai pochi che non sono approdati a Coverciano (gli azzurri Buffon, Bonucci, Chiellini, Ogbonna, Marchisio, Pirlo e Giovinco; Mattiello è con l’Under 21), oppure che non sono volati in giro per il mondo per rispondere alla convocazione dei rispettivi commissari tecnici (Asamoah, Vidal, Pereyra, Evra, Pogba, Lichtsteiner oltre a Coman e Morata che sono con la selezione Under 21 di Francia e Spagna). Insomma, oggi alla ripresa degli allenamenti (la seduta fissata per le 16), il tecnico livornese si ritroverà con a disposizione una manciata di giocatori della prima squadra. L’occasione, per Allegri, sarà propizia per far mettere benzina nelle gambe a Fernando Llorente, in questa prima fase della stagione il giocatore apparso più in ritardo di condizione.

Nessun commento: