venerdì 3 ottobre 2014

Juve-Roma, Morata va ko. In ballo Asamoah e Pereyra

Dopo la sconfitta di Madrid contro l'Atletico, la Juventus è tornata subito a lavorare a Vinovo. Presenti il ds Paratici e il consigliere Nedved, al centro sportivo è andato in onda il solito post-Champions, con seduta intensa per chi non ha giocato e di scarico per gli altri. Qualche preoccupazione per Caceres che durante il match ha accusato una lussazione scapola omerale destra, ridotta in campo: ha svolto il programma defaticante. Per il big match con la Roma, così, resta in preallarme Ogbonna. Lì dietro gli uomini per Allegri sono contati, visto che Barzagli non sembra ancora pronto. Infatti, non ha preso parte al programma: è ancora a riposo per il persistere di una sintomatologia dolorosa a carico di caviglia destra operata. Nei prossimi giorni è previsto un consulto specialistico. Alvaro Morata, invece, è stato sottoposto nel pomeriggio a risonanza magnetica per valutare il dolore alla coscia destra accusato dopo il suo ingresso in campo. «Gli esami hanno escluso lesioni muscolari evidenziando esclusivamente una modesta elongazione del gluteo destro. Le sue condizioni verranno monitorate per stabilire la disponibilità per la gara di domenica». Scalpitano invece Pereyra e Asamoah che si propongono per un posto da titolare contro i giallorossi. In particolare, l'argentino sembra avere più condizione di Vidal. Ma rinunciare al cileno in una gara tosta come quella di domenica non è facile, anche perché lui sa come si fa: a vincere, a segnare, a lottare.

Nessun commento: