domenica 12 ottobre 2014

Juve, Allegri finora non ha effettuato turnover

Massimiliano Allegri non cambia mai. O quasi. I numeri relativi alle prime otto partite ufficiali della sua gestione sono inequivocabili: ci sono undici titolarissimi e altre quattordici comparse. Ordinati in classifica per minuti giocati, i primi undici elementi utilizzati hanno collezionato complessivamente l’82,9% dei minuti totali, lasciando al resto della rosa il 17,1%. Uno sbilanciamento molto accentuato, il cui succo è semplice: la Juventus finora non ha effettuato turnover. E’ vero che siamo solo all’inizio del campionato, ma la media delle grandi squadre è più equilibrata nella distribuzione del minutaggio che varia fra il 65% e il 70% per i “titolari” e il 35% e il 30% per il resto della rosa. Lo stesso Conte, che non ha mai esagerato con le turnazioni, nelle scorse stagioni finiva per assestarsi su una media del 72% per i primi undici e del 28% per gli altri. E cambia poco, Allegri, anche a partita in corso, con la stragrande maggioranza delle sostituzioni “tecniche” (ovvero al netto di quelle per infortunio) che vengono effettuata dal tecnico bianconero negli ultimi quindici minuti. Solo in occasione di Juventus-Roma, un cambio è arrivato entro il primo quarto d’ora della ripresa (Alvaro Morata per Fernando Llorente), tre volte Allegri ha mandato in campo un panchinaro intorno al 25’, il resto è sempre arrivato dopo la mezzora della ripresa. Più tardi di Conte che, solitamente, operava le sostituzioni fra il 15’ e il 20’ del secondo tempo, lasciando almeno mezzora a chi subentrava. E naturalmente il fatto di realizzare i cambi nel finale di partita riduce ulteriormente l’equilibrio nella distribuzione dei minuti nelle gambe della rosa. (Tuttosport.com)

Nessun commento: