lunedì 18 agosto 2014

Sentenze d’appello (Corte Federale)

Primo filone di indagini

La Corte Federale ha emesso la sua sentenza d’appello il 25 luglio 2006 con i seguenti esiti:

Società

  • Juventus: retrocessione in Serie B con 17 punti di penalizzazione, revoca dello scudetto 2004-2005 e non assegnazione dello Scudetto 2005-2006; 120.000 euro di multa; tre giornate di squalifica del proprio campo.
  • Fiorentina: 30 punti di penalizzazione nel Campionato 2005-2006, 19 punti di penalizzazione nel Campionato 2006-2007; 100.000 euro di multa; tre giornate di squalifica del proprio campo.
  • Lazio: 30 punti di penalizzazione nel Campionato 2005-2006, 11 punti di penalizzazione nel Campionato 2006-2007; 100.000 euro di multa; due giornate di squalifica del proprio campo.
  • Milan: 30 punti di penalizzazione nel Campionato 2005-2006, 8 punti di penalizzazione nel Campionato 2006-2007; 100.000 euro di multa; una giornata di squalifica del proprio campo.
Dirigenti società
  • Antonio Giraudo (amministratore delegato Juventus): 5 anni con proposta di radiazione.
  • Luciano Moggi (direttore generale Juventus): 5 anni con proposta di radiazione.
  • Diego Della Valle (proprietario Fiorentina): 3 anni e 9 mesi.
  • Andrea Della Valle (presidente Fiorentina): 3 anni.
  • Claudio Lotito (presidente Lazio): 2 anni e 6 mesi.
  • Leonardo Meani (tesserato Milan): 2 anni e 6 mesi.
  • Sandro Mencucci (dirigente Fiorentina): 2 anni e 6 mesi.
  • Adriano Galliani (vicepresidente, amministratore delegato Milan e presidente Lega Nazionale Professionisti): 9 mesi.
Arbitri
  • Massimo De Santis: 4 anni.
  • Gianluca Paparesta: 3 mesi.
  • Paolo Bertini: assolto.
  • Paolo Dondarini: assolto.
  • Paolo Tagliavento: assolto.
  • Gianluca Rocchi: assolto.
  • Pasquale Rodomonti: non giudicabile.
Guardialinee
  • Fabrizio Babini: 3 mesi.
  • Claudio Puglisi: 3 mesi.
  • Duccio Baglioni: assolto.
Designatori arbitrali e dirigenti FIGC
  • Innocenzo Mazzini (vicepresidente FIGC): 5 anni con proposta di radiazione.
  • Pierluigi Pairetto (designatore arbitrale): 3 anni e 6 mesi.
  • Tullio Lanese (presidente AIA): 2 anni e 6 mesi.
  • Gennaro Mazzei (designatore dei guardialinee): 6 mesi.
  • Franco Carraro (presidente FIGC): multa di 80.000 euro con diffida.
  • Pietro Ingargiola (commissario di campo): ammonizione.
In un secondo tempo, su decisione della FIGC, è stato assegnato lo scudetto per il campionato di calcio di Serie A 2005-2006 all'Inter: la FIGC ha infatti recepito il parere della commissione di tre saggi (composta da Gerhard Aigner, ex segretario generale dell'UEFA; Massimo Coccia, avvocato ed esperto di diritto sportivo; Roberto Pardolesi, Ordinario di diritto privato comparato), creata ad hoc dal Commissario Straordinario della FIGC, l'Avv. Guido Rossi, per dirimere la questione dopo la non assegnazione del titolo alla Juventus.

Secondo filone di indagini
Per il secondo filone di indagini, fu pronunciata il 26 agosto 2006, sanciva:
Società
  •  Reggina: 15 punti di penalizzazione nel Campionato 2006-2007; 100.000 euro di ammenda.
  • Arezzo: 6 punti di penalizzazione nel Campionato 2006-2007.
Dirigenti società
  • Leonardo Meani (tesserato Milan): 3 anni; 30.000 euro di ammenda al Milan.
  • Pasquale Foti (presidente Reggina): 2 anni e 6 mesi; 30.000 euro di ammenda.
Arbitri
  • Paolo Dondarini: assolto.
  • Tiziano Pieri: assolto.
Tesserati AIA
  • Gennaro Mazzei (designatore dei guardialinee): 3 anni.
  • Stefano Titomanlio (guardialinee): 3 anni.

Nessun commento: