mercoledì 16 luglio 2014

Buffon: Conte, ha deposto le armi con molta onestà

Gigi Buffon rispondendo a chi gli chiedeva sul futuro di Antonio Conte, dopo le dimissioni dalla panchina della Juve: "È una decisione inaspettata, un fulmine a ciel sereno, ma vedendo le parole che sono state adoperate e i toni molto pacati, sia da parte del mister che della società, si capisce che in maniera congiunta si è arrivati a questa decisione, senza strappo, evidentemente è qualcosa che covava da un po' di tempo a questa parte e che ha trovato l'epilogo oggi". Poi ancora su Sky Buffon precisa: "Di sicuro perdiamo l'emblema della nostra rinascita. Lo sappiamo noi in primis e poi tutti gli altri. Anche lui con molta onestà ha deposto le armi. Non sentiva più la situazione congeniale per dare il massimo. La lucidità con la quale ha detto certe cose però gli fa onore perché non c'è stato alcuno scontro". "Il mister è sempre rimasto il solito fino all'ultimo. Ha onorato il suo posto di lavoro fino alla fine. Ma se sentite le sue parole le motivazioni vanno cercate dentro di lui. La Juve è cresciuta come squadra e società. Abbiamo un grande staff dirigenziale e per noi e per i tifosi deve essere un grande punto di riferimento. Abbiamo perso un personaggio unico ma non scordiamoci che ci sono giocatori di valore, un grande presidente e dirigenti di prima fascia. Certo sarà dura, ma abbiamo le carte in regola per fare bene. Se ho sentito Conte? No, perché ha il telefono spento ma gli ho mandato un messaggio ma non mi ha risposto".

Nessun commento: