martedì 13 maggio 2014

Juventus da record, è la stella d'Europa

Ok, chi vuol bene a quei colori lì non può riflettere su ciò che sarà di Antonio Conte e della Juventus con o senza l’attuale guida tecnica. Però il pensiero corre pure al fresco successo di Roma, il primo in trasferta nella gestione triennale del salentino dopo un pari e un ko, che si porta dietro tutta una serie di numeri atti a certificare, qualora ce ne fosse bisogno, la superiorità dei campioni d’Italia su avversari trafitti, dominati, spompati dai marziani bianconeri. E nel vortice s’inseriscono altre cifre mostruose, tali da sollevare la squadra tricolore al rango dei più grandi d’Europa. Dunque, fra primati appena infranti e ulteriori numeri da aggiornare per far godere la piazza, la Juve si culla su quei 99 punti che la distanziano dall’Inter manciniana, versione 2006-07, che aveva chiuso il torneo con 2 lunghezze in meno e 30 vittorie a fronte delle 32 (provvisorie) dei contiani. Già, proprio i nerazzurri vincitori del primo campionato post-Calciopoli, con tutto il corredo legato a una concorrenza allora in divenire che, nell’attesa, dovette inchinarsi a chi seppe approfittare dell’assenza dei bianconeri. Non basta: oltre ad avere il migliore attacco (76 gol) e la difesa più imperforabile della categoria (23), i campioni hanno tirato nello specchio più di tutti (217 tentativi). E mentre il progetto legato alla 19ª vittoria su 19 incontri casalinghi prenderà forma in settimana, la Juve riluce anche dinanzi al gotha del calcio continentale, attirando su di sé le attenzioni dei media internazionali, ansiosi di conoscere i segreti di un team dal rendimento eccezionale. (Tuttosport.com)

Nessun commento: