domenica 11 maggio 2014

Juve, con la Roma un duello da record

“NO tituli, no party”, direbbe José Mourinho. Ma per questo Roma-Juve, forse, anche lo Special One portoghese rivedrebbe uno dei suoi comandamenti. Lo scudetto sarà anche già stampato sulle magliette celebrative dei bianconeri, che oggi lo mostreranno a petto alto, ma all’Olimpico non sarà una gita. La Juve dei primati vuole entrare nella leggenda raggiungendo i 100 punti (servono 4 mattoncini nelle ultime 2 partite) e la Roma più veloce della storia (mai aveva totalizzato 85 punti) intende chiudere in bellezza una stagione rovinata soltanto dai numeri mostruosi dell’armata bianconera. E dove non arrivano le statistiche da extraterrestri (che in parte riportiamo di sopra), ci pensano i sentimenti. Pirlo e compagni hanno un pallino: ribadire la superiorità e frantumare gli ultimi spifferi della teoria degli “aiutini”. Totti guiderà all’attacco una truppa che non si sente inferiore alla Juve: lo scontro diretto (dopo il successo in Coppa Italia) è il modo migliore per evidenziarlo e rovinare i sogni di gloria a tre cifre dei rivali. Motivi che hanno spinto i due tecnici a puntare su quasi tutti i big. Conte s’affiderà a Storari in porta (al posto di Buffon) e al trio Barzagli-Bonucci-Chiellini in difesa. Sulle fasce, Lichtsteiner e Asamoah. In mezzo al campo mancherà Vidal (alle prese con la riabilitazione post-intervento al menisco) e un piccolo dubbio riguarda Marchisio (l’alternativa è Padoin). Certe le presenze di Pirlo e Pogba. In attacco ci sarà la coppia d’oro Tevez-Llorente. Non al top Giovinco (fermatosi durante la rifinitura per un dolore alla coscia), mentre Vucinic (problemi al ginocchio sinistro) è rimasto a Torino. (Tuttosport.com)

Nessun commento: