sabato 1 marzo 2014

Juve, Conte ne chiama 21. In lista c'è anche Asamoah

Andrea Pirlo riconquista una Juve qualificata in Europa League e con metà scudetto in tasca. Ma, soprattutto, dopo la "pausa" di Trebisonda, l'architetto del carrarmato bianconero riconquista San Siro con, nell'altra tasca, il nuovo contratto. Il regista prolungherà il legame con la Juventus di altri due anni ancora, fino al 2016, e domani sera a San Siro non avrà solo il piacere di tornare ad abbracciare Seedorf, sentimento ricambiato dall'allenatore rossonero, ma proverà anche quella nuova, sottile goduria di presentarsi sul fronte nemico con un sorriso beffardo. Berlusconi nelle scorse settimane aveva pensato di osare l'impossibile, cercando di aprire un canale dialettico anche direttamente con il giocatore, provando a incunearsi nella trattativa in corso tra la società bianconera e Pirlo: respinto con perdite, giacché la mossa ottenne soltanto un garbato "no grazie, la priorità è per la Juventus". E quando entrerà in campo, domani sera, si vedrà un Pirlo sempre più juventino, straordinariamente calato in una parte che rappresenta non solo il recente passato dei due scudetti con Conte, ma anche e soprattutto il futuro. «Sono felice di restare a Torino», ha già comunicato l'architetto. Che a Milano, una volta tanto, non avrà però al fianco Vidal, squalificato. Suoi alfieri saranno Marchisio e Pogba, un altro che rifilò un bello schiaffo al Diavolo: quando preferì la Juventus al Milan, al momento di lasciare lo United. Sono 21 i convocati da Antonio Conte per la sfida contro il Milan di domenica sera, in programma a San Siro alle 20.45. Questo l'elenco diramato dal tecnico al termine dell'allenamento di rifinitura sostenuto nel pomeriggio a Vinovo. C'è Asamoah mentre è assente per squalifica Vidal. 1 Buffon; 3 Chiellini; 4 Caceres; 5 Ogbonna; 6 Pogba; 8 Marchisio; 10 Tevez; 12 Giovinco; 13 Peluso; 14 Llorente; 15 Barzagli; 18 Osvaldo; 19 Bonucci; 20 Padoin; 21 Pirlo; 22 Asamoah; 26 Lichtsteiner; 27 Quagliarella; 30 Storari; 33 Isla; 34 Rubinho.

Nessun commento: