sabato 22 febbraio 2014

La Juve, il Toro e i torèt: il derby delle fontanelle

Chi è stato almeno una volta a Torino le avrà notate, chi ci vive le considera un indispensabile pezzo di arredamento della città. Parliamo delle fontanelle pubbliche, sparse per piazze, parchi e vie che i torinesi chiamano Torèt, ovvero piccolo Toro. Il motivo è semplice: l'acqua sgorga infatti dall'animale che è il simbolo della città. E queste stesse fontane, a loro volta, sono diventate uno dei simboli di Torino, al pari della mole. La premessa è indispensabile per capire come il derby si sia incendiato in rete quando la Juventus si è "impadronita", in pieno clima stracittadino, proprio di un torèt per lanciare una simpatica campagna virale su Social e Web. La foto del torèt con la sciarpa della Juve e la scritta: "Torino è bianconera, infatti ha scatenato l'ira del popolo granata che ha da sempre rivendica il primato del tifo in città, contro una Juventus che è la squadra che conta più tifosi in Italia. A stemperare l'arrabbiatura in casa granata ci pensa il capitano Kamil Glik: “Non è un gesto bellissimo, ma devo dire che a noi non interessa poi più di tanto. Vogliamo rispondere sul campo. E poi all'Olimpico sento sempre alzarsi il coro dei nostri tifosi “Torino è stata e resterà granata...”.

Nessun commento: