sabato 25 gennaio 2014

Juve, batti la Lazio. Conte niente conferenza

Dopo l’eliminazione dalla Coppa Italia contro la Roma, la Juve torna nel varco Capitale: alla Lazio i bianconeri hanno già rifilato 8 gol a 1, tra Supercoppa italiana e campionato. Si attende la rifinitura romana: in assenza di sorprese, ballottaggio tra Pirlo e Marchisio davanti alla difesa, per il resto ritorno alla formazione tipo con l’inserimento di Ogbonna per lo squalificato Chiellini. Ma contro una Lazio incerottata e sulla cresta di giorni particolarmente delicati, la Juve ha almeno 3 buoni motivi per centrare il risultato pieno. Punto primo, la classifica e il morale: la Roma riparte in campionato rinvigorita nello spirito e sull’onda di un entusiasmo rilucidato dal passaggio del turno in Coppa a spese dei bianconeri, nonostante gli 8 punti di distacco. Il duello a distanza assume a questo giro un aspetto emotivo più forte del solito: Roma a Verona, la Juve di nuovo nell’Olimpico contro i nemici per eccellenza dei giallorossi, la Lazio di Reja. Il punto secondo porta a Conte stesso: è stato criticato per la scelta di infarcire la squadra di riserve, contro la Roma, così questo nuovo flop è apparso anche gratuito, doppiamente fastidioso. Punto terzo, il mercato: dopo il caos Vucinic-Guarin, che ha provocato solo danni alla Juventus, si apre l’ultima settimana del mercato. E il silenzio arrabbiato di Conte (niente conferenza stampa della vigilia) acuisce il panorama. Per questo nel confronto con la squadra di queste ore l’aspetto motivazionale è destinato ad esaltare il tecnico: mai come stavolta è d’obbligo battere la Lazio, per la Juve. Ecco i convocati: 1 Buffon, 4 Cáceres, 5 Ogbonna, 6 Pogba, 7 Pepe, 8 Marchisio, 10 Tevez, 12 Giovinco, 13 Peluso, 14 Llorente, 15 Barzagli, 19 Bonucci, 20 Padoin, 21 Pirlo, 22 Asamoah, 23 Vidal, 26 Lichtsteiner, 27 Quagliarella, 30 Storari, 33 Isla, 34 Rubinho.

Nessun commento: