sabato 18 gennaio 2014

Conte infuriato per il calendario della Juve

Da stasera è una maratona. Perché tra oggi e il 9 marzo la Juventus potrebbe giocare 14 partite in cinquanta giorni, senza mai avere più di due giorni consecutivi di allenamenti "veri". Potrebbe, perché le semifinali di Coppa Italia li deve ancora conquistare e, curiosiamente, se li gioca proprio contro la Roma martedì in una partita che condizionerà il calendario delle due pretendenti allo scudetto. Se passasse la Juventus, infatti, si ritroverebbe a giocare 4 partite in più rispetto alla Roma da qui a inizio marzo, in una fase cruciale del campionato. Se invece passasse la Roma, le due squadre giocherebbero lo stesso numero di gare (12 a testa), considerato che la Juventus ha l'impegno in Europa League che prevede il 20 e il 27 febbraio la doppia sfida con i turchi del Trabzonspor. Già, la doppia sfida che fa infuriare Conte, perché la partita di giovedì complicherà i due turni successivi di campionato. E se affrontare il derby 70 ore dopo la partita di Coppa (ma senza viaggi di mezzo), l'incubo del tecnico bianconero è il ritorno: la Juve gioca a Trebisona il 27 alle 21, senza possibilità di ritornare il giorno stesso. Sarà quindi a Vinovo nel pomeriggio di venerdì dopo un lungo viaggio aereo, avendo a disposizione meno di due giorni per prepare la trasferta di San Siro contro il Milan. E un posticipo il lunedì? Non è possibile per l'impegno della Nazionale che il 5 marzo è a Madrid per giocare contro la Spagna in amichevole. E molto probabilmente con 5/6 bianconeri coinvolti nella trasferta. (Tuttosport.com)

Nessun commento: