lunedì 2 dicembre 2013

Juve, una vittoria di cuore che vale tantissimo

Tanta, tantissima fatica per la Juve allo Stadium contro Udinese che coraggiosa, si presenta a Torino con grande grinta e determinazione. I bianconeri vogliono approfittare dell’ennesimo passo falso della Roma di Garcia. Sotto un palcoscenico fantastico, adornato dalla voce di più di 12.000 bambini pronti a far festa, la Juve parte con la solita rabbia agonistica che ha caratterizzato il gioco di Conte. Il ritmo del match sale e con esso anche l’Udinese che dopo i primi minuti di sofferenza si fa vedere nella meta campo bianconera. Al minuto 14' si fa male Andrea Pirlo che esce dal campo malconcio per un Pogba che si piazza inizialmente dinanzi alla difesa. La formazione di Guidolin sembra crederci sempre più e Di Natale approfitta di un errore di Bonucci per presentarsi a tu per tu con Buffon, ma qui si fa ingolosire dal cucchiaio che viene facilmente neutralizzato dal portiere bianconero. Nel secondo tempo la Juve torna in campo più aggressiva, ma nonostante il grande possesso palla è il contropiede dell’Udinese che fa tremare Conte. Il tecnico juventino a questo punto si gioca la carta Quagliarella. L’attaccante napoletano si fa subito sentire con un destro a giro. La Juve ci crede sempre, e come spesso ha dimostrato negli ultimi anni, non molla mai. Oramai scaduti i 90' di gioco è Fernando Llorente a metterla dentro. Questo è per Llorente il 4° gol in campionato, 6° in totale, che vale per la Juve 3 punti pesantissimi che permettono di allungare a +3 sulla Roma che insegue. Venerdì sera la Juve di Conte (che non prende gol in campionato ormai da 460 minuti) sarà al Dall’Ara, pronta per continuare la sua marcia. Simone Pulcini

Nessun commento: