sabato 5 ottobre 2013

La Juve rispetta l'ambiente. Seconda maglia "ecologica"

La Juventus campione di sostenibilità. Grazie alle maglie prodotte con il riciclo delle bottiglie in plastica la 'vecchia signora' si aggiudica lo scudetto 'verde' per il rispetto dell'ambiente. Quest'anno, riporta 'In a bottlè (inabottle.it) a proposito di calcio e sostenibilità, la Juventus ha infatti deciso di indossare una maglietta a difesa della natura. Se la prima divisa Juventus resta la classica maglia a strisce bianche e nere, innovativo è invece il completo da trasferta 'Away', per il quale sono stati scelti il giallo e il blu, colori simbolo della città di Torino, già utilizzati con grande successo negli anni '80. Ciò che però contraddistingue la nuova eco-divisa è l'impegno dimostrato per limitare al minimo l'impatto ambientale: maglia e pantaloncini sono stati infatti realizzati utilizzando 13 bottiglie di plastica riciclata, fuse in un filato che viene poi trasformato in poliestere riciclato, riducendo così il consumo di energia fino al 30% rispetto alla produzione del poliestere classico. Non solo questo, le maglie sono state progettate per tenere i calciatori più asciutti, più freschi e più comodi permettendo di mantenere una temperatura corporea ottimale, per prestazioni migliori sul campo: il tessuto 'Nike dri-fit' è stato reso del 23% più leggero di quello della stagione precedente e per il 20% più resistente, migliorando sensibilmente anche l'elasticità; permettendo anche una maggior traspirazione per allontanare il sudore dalla pelle.

Nessun commento: