mercoledì 2 ottobre 2013

Conte: «Juventus Stadium, dovrai essere una bolgia»

Antonio Conte è perfettamente consapevole del fatto che «il 6-1 del Real a Istanbul non deve ingannarci, fu un risultato bugiardo: i turchi ebbero diverse occasioni, poi dopo il gol dell’1-0 e un’altra chance di Yilmaz , persero il filo e gli spagnoli approfittarono delle indecisioni degli avversari. Dovremo fare attenzione, il Galatasaray meritava molto di più». Lo sguardo si posa naturalmente sulla nuova guida tecnica della squadra, «Mancini aumenta la colonia degli allenatori italiani in Champions, è uno dei più bravi in Europa. Mi fa molto piacere ritrovarlo», che però Conte avrebbe preferito incontrare più in là: «Difficile studiarli, hanno cambiato allenatore in modo così repentino. Non abbiamo certezze tattiche se non quelle dovute al corso precedente. Mi sarebbe piaciuto affrontarli avendo riferimenti tattici precisi. Non so quanto Roberto possa incidere sulla partita, ma resta un punto interrogativo». Le sicurezze dei campioni d’Italia sono ormai certificate: un impianto di gioco collaudato, una rosa che - al netto dei ragionamenti sul necessario turnover - sa bene come comportarsi in ossequio ai diktat del tecnico, una forza in più che soltanto lo Stadium può assicurare. «Il Galatasaray ha giocatori di ottimo livello, perciò chiedo al pubblico di fare da 12°, anche 13° uomo in campo. È giusto che lo Stadium ribolla, faccia sentire la voce calda a noi e anche agli avversari».

Nessun commento: