martedì 24 settembre 2013

Juve, rinnovo Lichtsteiner. L’accordo è ad un passo

«Riguardo al nuovo contratto sono sereno. Qui ho vinto due scudetti e sto bene». Poche parole, il minimo sindacale, comunque non per accompagnare fuori rotta l’ascoltatore, più che altro per circoscrivere i confini della riservatezza. Senza però evitare di ricondurre le trattative nel recinto di una quiete normalità. «È una questione che non mi pesa». Non gli pesa, ma gli interessa: anche perché l’aspetto economico, se non valutato meramente in termini di pecunia, si porta appresso un doppio binario dai significati più ampi. Da una parte, il peso (questo sì) di vecchie promesse societarie. Dall’altra, il cascame che un adeguamento contrattuale si porta appresso, perché rappresenta anche l’ulteriore emersione della stima professionale per il giocatore. Per il suo comportamento e il suo rendimento. Adesso che la fumata bianca appare sempre più vicina, Lichtsteiner potrà essere ancor più sereno. O meglio: più contento. Si aspettava un approdo nelle trattative, cominciate nei primi due mesi del 2013, e il traguardo ormai appare a un passo. Guadagnerà di più, come sperava, come gli avevano promesso. Che poi la resa sul campo non venga condizionata da un euro in più o in meno, questo è lapalissiano. Il giocatore è sempre andato avanti per la sua strada, con caparbietà e puntualità svizzera, mai lesinando sforzi. Nell’attesa, però, chi rappresenta i suoi interessi può festeggiare con lui anche un successo a tavolino.

Nessun commento: