mercoledì 28 agosto 2013

Juve: Zuniga, il Napoli polemizza ma tratta il rinnovo

Ieri ci ha pensato il patron del Napoli, intervenuto a SkySport, ad aprire uno squarcio: «Al giocatore abbiamo rivolto un’offerta che io ritengo importante in vista del prolungamento del contratto: il 40% in più rispetto a quanto gli offre la Juve. Ora spetta a lui decidere. Io gli ho detto che l’azzurro è il più bel colore del mondo. E poi, dopo averlo visto danzare e saltare davanti al San Paolo che urlava “chi non salta juventino è”, credo che abbia la volontà di essere un napoletano a tutti gli effetti. Sarebbe grave tradire le emozioni dei tifosi». Il presidente ha anche stuzzicato l’agente del giocatore: «In questa vicenda non so quanto ci sia di Zuniga e quanto del suo agente Riccardo Calleri». Alle parole del patron sono tuttavia seguiti nuovi, febbrili contatti. Con protagonisti lo stesso Riccardo Calleri e Riccardo Bigon, il ds dei napoletani, che hanno trattato il rinnovo fino a tarda notte. Cifre in salita: sul piatto 3 milioni più bonus. La Juventus resta alla finestra e, a meno che il rinnovo tra Zuniga e il Napoli non si sia consumato nella notte, potrebbe agire di conseguenza. Rilanciando, oppure, viste le quotazioni raggiunte, valutando l’ipotesi di mollare l’osso e valorizzare i propri uomini. In particolare Mauricio Isla, esterno che dopo un’annata in apnea sta scalando posizioni nella considerazione di Conte. E poi c’è Simone Pepe, evidentemente elemento più offensivo rispetto a Zuniga e Isla, ma comunque utile sia per essere uilizzato da esterno nella mediana 5 che, va da sè; nell’attacco a tre. Da due settimane Pepe lavora in gruppo e sabato ha giocato i primi 90’ con la Primavera andando anche a segno. Non è ancora al top, ma i problemi fisici che lo scorso anno lo hanno tenuto ai margini, sembrano superati. Con un Pepe rilucidato e un Mauricio Isla più pimpante, Giuseppe Marotta potrebbe risparmiare contanti in questa sessione per rivenstirli poi a gennaio.

Nessun commento: