venerdì 23 agosto 2013

Juve, solo Zuniga. Per Conte è l'ideale

La Juventus vuole soltanto Zuniga. Ma annusa l’aria anche attorno a Marquinho. E non perde di vista la questione Kolarov. E allora? Dov’è la coerenza? Sta tutta in un concetto: la paura di una trappola. La società bianconera sta affrontando un pericolo potenzialmente sempre più grande, man mano che la conclusione delle trattative si avvicina (2 settembre): il rischio di arrivare col fiatone all’assalto dell’esterno sinistro, una delle priorità di mercato già battezzate all’inizio della sessione estiva. Sfortuna vuole (si fa per dire) che la Juventus si sia innamorata perdutamente di Zuniga: e da lì non intende discostarsi. Sono quasi due mesi, ormai, che la telenovela perdura. Il colombiano, poi, ha complicato persino la vicenda. Perché pure lui ha corrisposto cotanto sentimento. E da settimane e settimane, ormai. Juventus e Zuniga hanno anche già trovato un accordo: 4 anni, 2,5 milioni netti a stagione, compresi i bonus. Promessi dichiarati. E non possono più... dividersi. Lui stesso giusto pochi giorni fa ammetteva: «Felice di piacere alla Juve. Non voglio essere costretto a lasciare il Napoli in scadenza». Cioè tra un anno, come un Llorente (non) qualsiasi. Marotta si è aggrappato al giocatore, tanto quanto Zuniga sta spingendo in crescendo perché il Napoli lo ceda subito. Marotta corre dietro a Zuniga perché Conte ha da tempo individuato nel colombiano l’esterno ideale per gestire la doppia fase mancina: copertura adeguata, grintosa, e stantuffate continue sull’out, con potenziali cross per quella pertica dello spagnolo ex Bilbao. Zuniga può anche cimentarsi a destra: un atout in più. Il tecnico bianconero non ha mai cambiato idea. Solo Zuniga. Ma Zuniga, suo malgrado, potrebbe diventare una trappola a questo punto?

Nessun commento: