domenica 25 agosto 2013

Juve, Pepe torna e segna con la Primavera

Domenica 11 novembre 2012, Siena-Juventus del campionato Primavera. Una partita non destinata a entrare nella storia del calcio italiano, ma sicuramente in quella personale di Simone Pepe. L’ultima volta in cui l’esterno romano aveva giocato una partita da 90 minuti, tra l’altro decidendola con un rigore allo scadere. Oggi, nove mesi e mezzo dopo, Pepe si è ripetuto: altra gara contro la Primavera, altri 90 minuti e, proprio come allora, la sua firma sul tabellino dei marcatori. In mezzo una breve apparizione con la Prima Squadra (pochi minuti nel finale del match con la Lazio del 17 novembre), tanta sfortuna e un intervento chirurgico. Ora i problemi sono alle spalle. Pepe è rientrato in gruppo da una decina di giorni e oggi è tornato ad assaporare il campo, con la Primavera, nel match d’esordio di campionato contro lo Spezia, giocato al Chisola di Vinovo. Un Pepe apparso subito in palla, tanto da aiutare i suoi giovani compagni al successo di misura (2-1). Prima un assist per il gol di Gerbaudo nel primo tempo, poi una zampata da attaccante di razza a chiudere il match a una manciata di minuti dalla fine. Ma soprattutto 90 minuti interi sul terreno di gioco (soluzione quasi obbligata, per i cambi esauriti da mister Zanchetta già a 20 minuti dalla fine), tanta corsa, grande intensità e contrasti da calcio vero, contro ragazzi che non gli hanno certo fatto sconti. Alla fine, Simone ha espresso tutta la sua soddisfazione: «Sono contento per come è andata. Me la sentivo di stare in campo tutto il tempo e ci tenevo a farlo. Fisicamente mi sono trovato molto bene, anche quando la partita è stata più tirata. Ringrazio mister Zanchetta, Fabio Grosso e tutti i ragazzi per l’opportunità che mi hanno dato».

Nessun commento: