lunedì 22 luglio 2013

Zuniga alla Juve, la chiave è Matri

Il cerchio è chiuso. Camilo Zuniga scarica il Napoli, rifiutando l’ipotesi di rinnovo con la società partenopea, e adesso è contraccambiato. A Dimaro, dove si sta svolgendo il ritiro della squadra azzurra agli ordini del tecnico spagnolo Rafa Benitez, il colombiano è stato scaricato dai suoi attuali tifosi: «Sei uno juventino!». Che in base al punto di vista può anche non essere un complimento. Visto che, in questo caso, il giudizio arriva dalla tifoseria del club che nella passata stagione ha conteso il titolo alla Juventus, è chiaro l’intento del messaggio. Che ne sottintende un altro: «Vai pure alla Juve». Una situazione, quella determinatasi in Val di Sole, che ovviamente ha partorito valutazioni in seno al club campano. Sempre più orientato, man mano che i giorni trascorrono e il clima si arroventa, a lasciar partire l’esterno nonostante l’anno di contratto che ancora lega il colombiano al Napoli. Allo stato dell’arte viene difficile pensare che il Napoli possa arroccarsi su questioni di principio e tenere in rosa... una spina come Zuniga. Anche perché l’ad bianconero Beppe Marotta, per un giocatore pagato a suo tempo 8 milioni dal Napoli (versati al Siena), sarebbe anche disposto a offrire fino a 5, 6 milioni nonostante il contratto in scadenza. Per quanto l’intenzione del Napoli, alla ricerca di un paio di attaccanti importanti, sia di concludere l’operazione prelevando a sua volta un giocatore dalla Juventus. Più Alessandro Matri di Mirko Vucinic, in questo momento. Per quanto i mal di pancia manifestati ieri dal montenegrino (lite con un tifoso) potrebbero accelerare l’uscita dell’ex centravanti della Roma (su di lui ci sono anche Zenit San Pietroburgo e Manchester United). Se Matri saprà convincere l’entourage famigliare a trasferirsi a Napoli, prende sempre più piede l’ipotesi dello scambio, con conguaglio a favore della Juventus, tra Zuniga e l’attaccante bianconero. Rilevanti novità, per una trattativa che sta entrando nella fase più calda si avranno fin da oggi.

Nessun commento: