mercoledì 17 luglio 2013

Juve, per Zuniga i bianconeri offrono 5,5 milioni al Napoli

La Juventus è in piena accelerata. E Zuniga , dal canto suo, incrocia le dita. Dopo l’accordo trovato tra i vertici della società bianconera e l’esterno colombiano (2,5 milioni netti a stagione, in ballo un quadriennale con opzione per il prolungamento fino al 2018), è scattata ufficialmente la Fase 2. La Juventus ha cominciato a trattare direttamente con il Napoli, in azione sia Marotta sia Paratici . Le prime discussioni non hanno portato a una fumata bianca, ma nemmeno a una rottura: diciamo che la vicenda si sta trasformando nell’ennesimo braccio di ferro di mercato. Il club partenopeo non vorrebbe cedere il colombiano, nonostante sia in scadenza nel 2014. Ma proprio la tagliola del contratto induce la dirigenza napoletana a valutare la situazione con grande realismo, badando ai propri interessi economici e non solo a quelli prettamente tecnici. Per il Napoli, una chiusura totale rischierebbe soltanto di far perdere il giocatore a parametro zero tra meno di 12 mesi. Ogni cosa ha il suo prezzo, anche se la data della scadenza non è così lontana, ormai: a maggior ragione possiede un valore significativo un esterno di talento come Zuniga, particolarmente versatile, capace di cimentarsi sia a destra sia a sinistra («e di spingere e difendere senza problemi», come diceva l’altro giorno Asamoah , dipingendo il ritratto di un motorino sempre acceso). La Juventus mostra rispetto nei confronti dei vertici partenopei. E altrettanto realismo. Non deve stupire, dunque, che dopo l’intesa raggiunta con il colombiano, ora cerchi di lubrificare sempre più e meglio il dialogo con il Napoli. Un ruolo importante sta svolgendo anche l’agente di Zuniga, Riccardo Calleri , in continuo contatto con entrambe le parti per favorire le chiacchierate tra le società e per agevolare l’individuazione di una soluzione che possa accontentare tutti. Anche chi, come il Napoli, può essere entrato in fibrillazione, dopo le accelerate impresse alla questione dall’ad bianconero. Tanto è vero che tra oggi e domani il procuratore continuerà a lavorare per smussare angoli e resistenze, mentre sono annunciate nuove chiacchierate tra i dirigenti di Juventus e Napoli.

Nessun commento: