domenica 2 giugno 2013

Giovinco rimane per forza: è un capitale da recuperare

E’ costato tanto, ma ha brillato poco. La Juve per riportarlo a casa ha speso undici milioni per acquistare la metà dal Parma. E allora diventa difficile cederlo senza rimetterci. Anche perché in questo momento l’azzurro, a certe condizioni, non ha mercato. E come se non bastasse il suo contratto scade nel giugno del 2015. La Juventus, allora, ha la necessità di prolungarglielo per spalmare su più anni l’investimento della scorsa estate. Quindi Giovinco probabilmente non si muoverà da Torino e avrà la grande possibilità di dimostrare il suo valore. Pensare che Antonio Conte crede molto in lui e in questa stagione lo ha impiegato più di Matri e Quagliarella. Spetterà al giocatore, attualmente impegnato con Cesare Prandelli in Nazionale, ripagare la fiducia del tecnico. Il tempo a disposizione non gli mancherà. Intanto sogna di disputare una grande Confederations Cup. Potrebbe essere l’inizio del suo riscatto. Un’occasione da non sprecare. Cesare Prandelli lo ha confermato nel gruppo nonostante, come detto prima, non abbia fatto la differenza. Magari la maglia azzurra e gli stadi brasiliani gli trasmetteranno nuovi stimoli. Insomma, Giovinco, a differenza di tanti altri suoi compagni, ha una certezza. Quella di sapere dove giocherà la prossima stagione.

Nessun commento: