sabato 25 maggio 2013

Juve, affondo per Jovetic e missione per Tevez

Chiamatela piovra, polpo o medusa. La Juventus che gioca su più tavoli del mercato europeo è come un animale pronto ad allungare i suoi arti prensili su obiettivi a lungo caldeggiati, poi corteggiati, ora - chi più chi meno - alla portata. Inutile, dunque, ragionare su un’unica pedina da portare a Torino per soddisfare le richieste di Antonio Conte . Beppe Marotta e Fabio Paratici tengono vive più piste, in attesa di capire quale meriterà di essere battuta con maggiore ferocia. Il traguardo non è poi così lontano, anche perché Elkann spinge JoJo, Paratici va a Londra, i calciatori sul taccuino sono accomunati da un desiderio comune: giocare nella Juve è ipotesi contemplata nel loro quadro astrale, provare a vincere più trofei con la maglia bianconera indosso è una possibilità ben accetta nel loro destino. Intanto Conte, Paratici e Pavel Nedved sono sbarcati a Londra, teatro in serata della finale di Champions League tra Bayern Monaco e Borussia Dortmund. L’opportunità è ghiotta, tanto più che un appuntamento del genere consentirà ai rappresentanti bianconeri di respirare ancor più quell’atmosfera di “grande Europa” in cui la Juve vuole tornare ad essere un esempio di primissimo piano. Ma sarà anche l’occasione per tornare a incrociare i destini di Carlitos Tevez , l’attaccante argentino legato da un solo anno di contratto ma che sembra sempre più allontanarsi dal Manchester City. E l’Apache che indossa la nuova maglia dei Citizens in un’immagine diffusa su internet non intacca le chance juventine né tantomeno il suo desiderio di cambiare aria, a patto che il Monaco - concentrato sull’ingaggio di James Rodriguez e Moutinho dal Porto - viri su altri obiettivi. Quanto ai possibili giocatori “spiati” da Paratici, Nedved e Conte a Wembley, il gossip sta montando: il tecnico, è noto, va matto per Arjen Robben . Ma e solo una voce, per ora.

Nessun commento: