mercoledì 29 maggio 2013

I Campioni d’Italia: Alessandro Matri

Un gol ogni 125 minuti giocati, meglio di tutti i compagni, quinto della serie A. Alessandro Matri in campionato ha segnato otto reti, un buon bottino in una squadra come la Juve, dove il turnover in attacco è spietato. Inoltre, per valutare nel modo più corretto certi numeri è fondamentale guardare ad un quadro statistico più completo: Matri, nelle sue 22 presenze, ha collezionato 1004 minuti e la sua media è da bomber di razza. Che Alessandro ci sappia fare dalle parti dell’area di rigore lo dimostra anche il fatto che il 55,6% delle 27 conclusioni tentate, sia finito nello specchio della porta. In tutto sono 15 i tiri indirizzati tra i pali e di questi, più di uno su due si è trasformato in gol. I dati hanno un loro innegabile interesse, ma nulla può spiegare il talento di un giocatore come certe prodezze. E quel movimento a San Siro contro l’Inter, con cui anticipa Ranocchia e fulmina Handanovic, o quell’aggancio volante a Bergamo, con il diagonale sinistro piazzato alle spalle di Consigli, sono giocate che valgono più di qualsiasi statistica.

Nessun commento: