lunedì 15 aprile 2013

Marchisio in attacco, la tentazione è forte

La tentazione è forte. Antonio Conte sta pensando di schierare Marchisio all’attacco e inserire Pogba a centrocampo: «Sì, potrei far giocare tutti e quattro i centrocampisti che vedo in grande forma spostando Marchisio qualche metro in avanti». L’affermazione dell’allenatore sorprende un po’ tutti ma è figlia del momento che sta attraversando la squadra. Gli attaccanti infatti non sono dei fulmini di guerra e, quindi, conviene sistemare qualcosa in vista della partita di questa sera che è tanto importante quanto difficile: oltretutto la Lazio di Petkovic quest’anno ha sempre messo in difficoltà i campioni d’Italia. In Coppa Italia li ha addirittura sbattuti fuori al termine di due incontri ricchi di emozioni e polemiche. Un centrocampista in avanti, però, non significa presentare una squadra difensiva visto che il sistema di gioco non cambierà. Una soluzione temporanea che permetterebbe al francese Pogba di avere un posto da titolare. Giusto così: il baby-prodigio, infatti, anche in quest’ultimo periodo sta dimostrando una freschezza fisica invidiabile e un’autorità di impostazione che non è sfuggita al Capitano. Quindi merita di giocare. E considerando che Marchisio, Vidal e Pirlo non sono a corto di fiato diventa scontato togliere un attaccante e puntare sui quattro centrocampisti. Appunto come ha confermato Conte nella conferenza stampa di ieri. Claudio Marchisio ha già giocato più avanti, e con ottimi risultati, proprio contro la Lazio. Non farà l’attaccante vero e proprio ma si posizionerà qualche metro più avanti del solito. E a turno, come del resto è sempre successo, gli altri compagni dovranno sganciarsi e cercare il gol. L’azzurro, tra l’altro, ha il cambio di marcia che deve avere una seconda punta. In bianconero, soprattutto la scorsa stagione, ha firmato dei gol improvvisi, belli e importanti. Reti da scudetto. All’Olimpico ha la possibilità di ripetersi. Con il passare degli anni è diventato un giocatore completo in grado di ricoprire, senza problemi, più zone del campo. Conte si fida molto di lui.

Nessun commento: