mercoledì 10 aprile 2013

Asamoah-Lahm, ecco la chiave di Juve-Bayern

Le assenze di Vidal , Lichtsteiner e Giovinco sono pesanti, ma per la remuntada Antonio Conte potrà contare sulla sua colonna vertebrale: Bonucci al centro della difesa, Pirlo regista di centrocampo e Vucinic ispiratore della manovra offensiva. Su quest’asse la Juventus ha costruito i suoi recenti successi Il terzino è il cuore del gioco bavarese. Padoin, incubo Riberye, al netto dei alcune variazioni di spartito (stasera magari si vedrà qualche lancio in più del solito per scavalcare il centrocampo bavarese), anche stasera insisterà sulle proprie certezze. A partire da Buffon e dal trio muraglia: Bonucci nel ring si esalta, Barzagli e Chiellini hanno sfruttato la squalifica col Pescara per arrivare ancora più tirati a lucido per il grande appuntamento. In mediana - come previsto - ci sarà Pogba con Pirlo e Marchisio . Il francese sarà chiamato a un triplice compito: raddoppiare le marcature sugli esterni tedeschi, garantire gli inserimenti centrali (e si suoi tiri dalla distanza) e aggiungere peso e centimetri in area. L’ex centrocampista dello United, nei piani della Juve, dovrà scompigliare un po’ le certezze di Javi Martinez e Schweinsteiger . Fondamentale sarà il compito degli esterni: tanto Asamoah , il cui duello con Lahm sarà una delle chiavi, quanto Padoin dovranno accompagnare la manovra d’attacco: per creare superiorità e magari obbligare Robben e Ribery a un maggiore lavoro difensivo, che non è certo la specialità della casa. In avanti Quagliarella (avvantaggiato su Matri ) dovrà sfruttare al meglio l’ispirazione di Vucinic, tagliando il più possibile tra i centrali Van Buyten e Dante.

Nessun commento: