giovedì 7 marzo 2013

Quagliarella: Che gioia - Bonucci: Abbiamo fame

Un gol segnato e un altro nato da un suo tiro, per nulla semplice, lasciato partire dopo essersi girato in un fazzoletto. Fabio Quagliarella ha risposto presente alla chiamata di Conte, con una prestazione coronata dai due episodi, ma fatta anche di corse e accelerazioni continue che spesso hanno creato imbarazzo alla difesa del Celtic: «E’ stata un’ottima partita, ho fatto gol e ne ho fatto fare un altro. Sono molto soddisfatto. Per me era importante, perché ci tengo a farmi trovare pronto quando vengo chiamato in causa. Non ho mai rifiutato squadre semplicemente perchè non ho mai voluto lasciare la Juve. Il mio sogno era giocare la Champions, visto che l'avevo sempre ammirata dalla tv. Ora sono qui e me la voglio giocare fino alla fine». BONUCCI: «Felice per aver centrato i quarti, godiamoci questo momento». Così Bonucci al termine del match vinto contro il Celtic. «Le parole del loro allenatore prima della gara secondo me erano esagerate. Hanno provato ad intimorirci ma non ci sono riusciti. Tanti di noi hanno vinto solo lo scudetto lo scorso anno quindi la fame non ci manca di sicuro. Quando sono arrivato alla Juve nella prima stagione ho avuto qualche difficoltà perchè giocare con questa maglia non è facile. Bisogna dare sempre il massimo. Nel tempo sono riuscito a migliorare caratterialmente e mentalmente. Io secondo regista della Juve dopo Pirlo? E' questo ciò che mi chiede il mister. Mi piace impostare e rischiare la giocata difficile da dietro. Anelka? Ha dei colpi da grande campione. Tornerà utile alla nostra causa, questo è sicuro».

Nessun commento: