venerdì 8 marzo 2013

Juve, adesso Conte vale 20 milioni di euro

Come Mourinho e Guardiola. Come Ferguson. Antonio Conte è diventato il tecnico più invidiato e corteggiato d’Europa. Roman Abramovich pensa a lui per il dopo Benitez, Florentino Perez lo segue con particolare attenzione nel caso il protagonista del Triplete nerazzurro andasse al Paris Saint Germain e a Manchester, sponda United, vedono in lui il naturale sostituto di Mr Alex quando tra due anni lascerà il calcio. Piace il suo modo di far giocare le squadre, di lottare, di non mollare mai neppure nei momenti difficili. Non è passato inosservato, tra le altre cose, il modo in cui il Capitano ha gestito i sei mesi di squalifica: vicino alla squadra, ancora più concentrato e motivato, agonisticamente cattivo. E dopo l’ultima vittoria contro il Celtic le sue quotazioni continentali sono salite in maniera vertigionosa. Sono schizzate su, non si fermano, avanzano a velocità supersonica nelle preferenze dei grandi club europei. Tutti questi pretendenti, però, devono mettersi il cuore in pace. Almeno per ora, tra qualche anno chissà. L’allenatore dei campioni d’Italia, infatti, è legato alla Juve sino al 2015 ed è intenzionato a proseguire il discorso intrapreso un anno e mezzo fa quando ereditò una squadra che arrivava da due settimi posti: «Se penso a dove eravamo - continiua a dire - mi sembra di vivere un sogno. Abbiamo vinto uno scudetto e adesso siamo tra le prime otto squadre d’Europa». Non solo: il secondo tricolore è ad un passo. Dopo il pareggio di Napoli la strada è in discesa. E sarebbe un altro capolavoro di Antonio Conte.

Nessun commento: