lunedì 11 febbraio 2013

Missione Champions iniziata: La Juve è a Glasgow

La missione Celtic è ufficialmente iniziata. Dopo due ore e mezza circa di volo, da Torino a Glasgow, la Juventus è atterrata in Scozia, dove martedì sera giocherà la gara di andata degli ottavi di finale di Champions League. Alla partenza la squadra è stata letteralmente “scortata” all’imbarco da un centinaio di tifosi, che hanno ovviamente approfittato della presenza dei Campioni d’Italia per scattare foto ricordo e tornare a casa con qualche autografo. Conte e i suoi ragazzi sono atterrati intorno alle 17.30 locali, le 18.30 italiane, al Glasgow International Airport, dove e anche qui hanno trovato i tifosi ad attenderli. Insomma, il clima che attende la Juve al Celtic Park martedì sera sarà rovente, ma anche il popolo bianconero è pronto a farsi sentire. - Temperatura polare, vento sferzante, ma panorama a dir poco suggestivo, con le Campsie Fells innevate da un lato e il Lennox Castle, vecchio castello ed ex ospedale psichiatrico ora in disuso, dalla parte opposta del campo: questo il quadro in cui il Celtic, prossimo avversario della Juventus in Champions League, ha sostenuto la seduta di rifinitura in vista della sfida di domani sera. Nulla di nuovo in realtà per gli uomini di Lennon, visto che il terreno su cui si sono allenati è quello del Celtic F.C. Training Center, il moderno centro di allenamento a una ventina di chilometri da Glasgow, inaugurato dal presidente Brian Quinn nel 2007. Gli scozzesi sono scesi in campo intono alle 11.00 locali e nel quarto d’ora di lavoro cui hanno potuto assistere i media si sono limitati al riscaldamento e al torello, per poi proseguire, lontano da occhi indiscreti, la preparazione tattica del match.

Nessun commento: