giovedì 21 febbraio 2013

Juve, tecnica e tattica verso la sfida col Siena

Tre risultati utili consecutivi e, soprattutto, tre gol rifilati sia a Inter che Lazio, nella quarta e nella sesta giornata del girone di ritorno. Il Siena sarà pure in piena bagarre per non retrocedere, anche a causa dei sui punti di penalizzazione, ma gli ultimi numeri dei toscani dicono che si tratta di una squadra in ottimo stato di forma e, come tale, da affrontare con la massima attenzione. Come a Chatillon durante il ritiro e ad agosto e novembre allo Juventus Center, il gruppo ha affrontato i test con la collaborazione del Centro Ricerca Mapei e la supervisione del Dottore Ermanno Rampinini: il Mognoni per la rilevazione dell’acido lattico predetto, ha impegnato i giocatori in sei minuti di corsa a 13,5 chilometri orari. Il CMJ ha valutato la qualità muscolare, la potenza e eventuali asimmetrie degli arti inferiori, grazie a una serie di salti sulla pedana piezoelettrica. L’ultimo, l’HIT, che ha visto i bianconeri impegnati in 10 ripetizioni sui 25 metri andata e ritorno submassimale, fornirà dati preziosi sulle loro capacità di recupero. I dati permetteranno di valutare la condizione funzionale degli atleti, consentiranno un prezioso raffronto con quelli raccolti nelle precedenti occasioni e aiuteranno lo staff tecnico nella programmazione del lavoro. Ne è ben conscio Antonio Conte che, dopo le due sedute di ieri, oggi ha fatto sostenere alla squadra un singolo allenamento, iniziando già a preparare la sfida di domenica prossima. La squadra si è trovata a Vinovo nel primo pomeriggio ed è scesa in campo alle 14.30, affrontando dopo il riscaldamento e la parte atletica, esercizi di tecnica e tattica. Domani si torna al lavoro al mattino, con l’inizio dell’allenamento fissato per le 11.30.

Nessun commento: