domenica 6 gennaio 2013

L'ordine di Conte: Juve, a gennaio l'allungo

L’ordine è allungare. Parola d’ordine che ha fatto circolare Antonio Conte, uno che vuole vincere sempre e a prescindere, ma dopo aver studiato l’incipit del 2013, ha capito che gli si presenta un’occasione da non perdere. Il calendario di gennaio non è impossibile: Sampdoria in casa, Parma in trasferta, Udinese e Genoa in casa: l’ideale per infilare una serie di vittorie che potrebbero addirittura aumentare il vantaggio sulla seconda in campionato o anche solo di mantenere gli attuali 8 punti. L’obiettivo del tecnico juventino è avere un margine di serenità a febbraio, quando tornerà l’impegno in Champions (e per altro, prima di Celtic-Juve, ci sarebbe anche la trasferta, non proibitiva, contro il Chievo da sfruttare) e la Juventus potrebbe concentrarsi sulla Coppa senza patemi di campionato che, a quel punto, offrirà un calendario spinoso. Se gennaio offre un calendario favorevole, febbraio e marzo molto meno con la Fiorentina, la trasferta all’Olimpico contro la Roma, quella di Napoli e quella di Milano contro l’Inter. Trappole che con otto o più punti di vantaggio farebbero meno paura e lascerebbero la Juventus più libera di «coltivare il sogno della Champions», per citare lo stesso Conte. Ecco perché durante la pausa, che per i bianconeri è stata particolarmente intensa sotto il profilo degli allenamenti, l’allenatore ha martellato i suoi. Iniziare bene con la Sampdoria, per prendere l’abbrivio è fondamentale. Per quanto pure il teoricamente facile gennaio può diventare una corsa a ostacoli a causa della Coppa Italia. Mercoledì la Juventus affronterà il Milan nel quarto di finale in atto unico allo Stadium. Conte sembra decisissimo a mandare in campo una formazione altamente competitiva nell’intenzione di passare il turno: se dovesse riuscirci - e sarebbe ben felice - complicherebbe il suo gennaio. Prima della fine del mese, infatti, disputerebbe le due partite di semifinale (contro la vincente di Lazio-Catania), lasciando libera di partite una sola settimana (quella dal 13 al 19 fra Parma e Udinese).

Nessun commento: