sabato 5 gennaio 2013

Lo Juventus Stadium arma in più per Conte e compagni

Se ci fosse una Champions per gli stadi, quello della Juventus correrebbe come favorito. Già, le statistiche incoronano lo Stadium. E’ il più giovane (inaugurazione 8 settembre 2011) e il più piccolo tra quelli top (41 mila spettatori), ma in un anno e mezzo ha scalato posizioni e gerarchie. E adesso - secondo gli specialisti - è quello che incute maggiore timore alle rivali. Per Football Club Rankings - sito esperto di numeri - la casa bianconera guarda tutti dall’alto verso il basso. Questioni di media punti (in questa stagione 22 su 27 in A; 6/9 in Champions), di calore dei tifosi, di bellezza dell’impianto. Meglio di San Siro, Scala del calcio italiana. Ma in pole position anche in Europa: davanti ai teatri storici (vedi Bernabéu, Camp Nou e Old Trafford) e cattedrali di ultima generazione come la Donbass Arena di Donetsk o la Signal Iduna Park di Dortmund. Come la squadra di Conte, anche lo Stadium ha bruciato le tappe. Buffon e compagni in 16 mesi sono passati dalla banda dei settimi posti, all’armata degli invincibili. Dominatrice in serie A e ambiziosa in Champions. Nello stesso periodo la casa juventina ha viaggiato alla medesima velocità. Abbattuto il muro del milione di spettatori già a settembre, con un esaurito dietro l’altro (sarà così anche domani contro la Samp) ha trascinato la Juventus a traguardi solo impensabili qualche mese prima. Squadra campione d’Italia, Stadium modello per tutti. Spalti confortevoli e vicini al campo, tifoserie coinvolte e partecipi (eccezion fatta in occasione dello sciopero con lo Shakhtar) sonoro pauroso, a tratti intimidatorio. Un aiuto per attirare pubblico, un’arma in più per spaventare gli avversari. Lo Stadium non sarà imponente come il Bernabéu, ma più di un giocatore ha confessato di aver provato i brividi di fronte al boato che precede l’entrata in campo. Per gli esperti è più caldo di Old Trafford. Lo scorso anno lo ha pagato sulla propria pelle mezza serie A, quest’anno ai campioni d’Europa del Chelsea è costato il biglietto per gli ottavi di coppa.

Nessun commento: