mercoledì 1 agosto 2012

Krasic salva la Juve. Con il Benfica è 1-1

Aumenta il blasone degli avversari e aumentano le difficoltà per la Juventus, impegnata contro il Benfica, dopo la sfida con l’Herta Berlino. Con i lusitani termina 1-1, con le emozioni arrivate tutte nel finale e con un’ennesima dimostrazione di carattere dei bianconeri, che sbagliano anche rigore, vanno sotto e a tre dal termine e agguantano il pareggio in pieno recupero. Conte ritrova i Nazionali e ripropone subito il trio delle meraviglie a centrocampo, con Vidal, Pirlo e Marchisio, supportati sulla fasce da Padoin e Asamoah. La coppia d’attacco è composta da Matri e Giovinco, mentre nella difesa a tre viene ancora provato Marrone, a fianco di Lichtsteiner e Bonucci, che indossa la fascia di capitano. I ritmi appaiono fin da subito più elevati rispetto al test di sabato scorso contro l’Herta Berlino e la circolazione palla è rapida da entrambe le parti. La Juve prova a sfondare dalla destra, mentre il Benfica predilige le corsie centrali. Bene Giovinco, male Matri. L'1-1 contro il Benfica ha messo in luce i pregi e i difetti di una Juve in piena preparazione estiva. Nel giorno del rientro in campo dei nazionali, Conte ha potuto ammirare la voglia e i colpi della 'Formica atomica' mentre l'attaccante, forse distratto dalle voci di mercato, ha sbagliato un rigore sullo 0-0. Dopo il gol di Cardozo, comunque, la Juve ha reagito prontamente trovando in pieno recupero il pareggio con Krasic.

Nessun commento: