venerdì 20 luglio 2012

Storari: «Resto alla Juve. Voglio vincere ancora»

Non sa ancora se giocherà titolare a Pechino in Supercoppa però Marco Storari è felice della scelta di rimanere alla Juventus compiuta un anno fa. «Non ho ricevuto offerte, ho altri due anni di contratto e non mi è mai balenato per la testa di andar via. Gli interessamenti fanno sempre piacere ma il mio destino è quello di rimanere qui fino alla scadenza del contratto, nel 2014, a meno che la società non decida di vendermi o arrivi un’offerta irrinunciabile, ma non credo». Domani c'è il primo assaggio di calcio vero con il Trofeo Tim e Storari ci tiene a fare bella figura. «Sono dei test molto importanti, anche se ci arriviamo non al massimo della forma. Il nostro lavoro fino ad ora è stato molto intenso e duro, come anche quello degli altri». Milan senza Ibra e Thiago Silva, Inter in stand by, la Juventus invece rinforzata sul mercato. «La vedo più forte perché siamo rimasti la rosa dell'anno scorso in più sono arrivati giocatori che sicuramente ci daranno una mano. Ma il mercato non è ancora finito, c'è tempo. Per ora il Milan si è indebolito, l'Inter è una grande squadra che si migliorerà, però ripeto noi pensiamo a riconfermarci e non sarà facile». La Juventus è ripartita con la stessa mentalità dello scorso anno. «Conte non predica cose diverse anche se le prospettive sono cambiate perché arriviamo da uno scudetto vinto. Siamo ripartiti con la stessa tensione, fatica e umiltà. Questo deve essere la base che un anno fa ci ha permesso di raggiungere la vittoria e che quest’anno deve farci bissare il successo». A livello eprsonale Storari spera di «farmi trovare sempre pronto e di potermi allenare con continuità. Non sono un ragazzino, ho 35 anni, è normale che vorrei giocare ma rispetto Gigi e le scelte del tecnico». Per finire un plauso a tutto il gruppo di portieri bianconeri. «Nessuna squadra italiana ha un livello così alto di giovani forti come Leali, Citti, Branescu».

Nessun commento: