venerdì 15 giugno 2012

Narducci: Buffon e Bonucci li avrei lasciati a casa

Narducci spara a Zero sulla Juve. L'ex Pm di Napoli che curò l'inchiesta di Calciopoli ha espresso la sua opinione a "24 mattino" su Radio 24. La prima bordata è per Bonucci e Buffon agli Europei: "Io non avrei portato questi calciatori nella competizione - ha detto Narducci - io sono un integralista da questo punto di vista. Ovviamente la Nazionale doveva andare agli Europei, come successe nel luglio 2006 per i Mondiali. Ma allora, come in questo caso, era opportuno non portare nella competizione persone rimaste coinvolte. Il calcio non può ogni volta solo a parole predicare estremo rigore nei confronti di tutto e di tutti, proporsi di cambiare. Ci vuole coerenza tra i buoni propositi e i fatti. Questa coerenza non sempre c’è”.  - Narducci non vuole sentire parlare di amnistia per i reati accertati: “È una delle devastanti proposte ciclicamente avanzate - ha detto -. E’ accaduto dopo il calcioscommesse del 1980, fu una delle parole d’ordine nel 2006, ritorna adesso. E’ una parola d’ordine che si propone di non fare i conti con i mali del calcio, di non affrontarli e di cancellarli con un colpo di spugna”.  - Narducci, che ha pubblicato il libro “Calciopoli. La vera storia” ha poi definito il calcio un “mondo pieno di omertà, dove regna un muro di ipocrisia. Noi abbiamo incontrato un mondo diffidente, ostile, chiuso, che ha offerto una scarsissima collaborazione, se non quasi nulla. Credo sia la caratteristica anche attuale”.  Poi l’ex pm ha lanciato un'altra bomba sulla questione dei 30 scudetti: “Credo si tratti di una provocazione - ha detto Narducci -. Comprendo i dirigenti di una società colpita sul piano sportivo ma le decisioni all’epoca furono giuste e a distanza di anni sono ancora più giuste. Il tentativo ricorrente di rovesciare la verità dei fatti emersa e contrastare le decisioni della giustizia sportiva e degli organi federali è una provocazione pericolosa”.

Nessun commento: