sabato 16 giugno 2012

Giovinco verso la Juve. Sarà una scelta di cuore

In attesa dei botti della prossima settimana, quando si dovrà decidere improrogabilmente delle comproprietà, ieri è stata una giornata interlocutoria sul fronte mercato anche se ulteriori segnali di ottimismo sono stati annotati per Sebastian Giovinco. L’azzurro appare sempre più vicino al ritorno in bianconero a due anni dalla sua partenza, a dispetto degli interessamenti - e dei milioni - di Psg, Inter e Anzhi. Non è soltanto una questione economica - tra richiesta e offerta balla qualche milione - ma anche di cuore, soprattutto per il ragazzo che, lontano da Torino, è cresciuto in maniera esponenziale conquistando anche la Nazionale, ma che non ha mai scordato da dove è venuto. E per lui il rientro avrebbe il sapore - dolce - del riscatto. Quel che è certo è che i due club si rivedranno a breve (prima del 22, per forza...) per trovare un’intesa sulla comproprietà ed evitare di lasciare alle “buste” il compito di stabilire il destino del fantasista di Beinasco.  - Come succede spesso in queste settimane, Giuseppe Marotta ha vissuto una giornata intensissima. Un appuntamento dietro l’altro per sistemare i mattoncini in entrata e in uscita di un calciomercato decollato in maniera frizzante con gli arrivi di Nicola Leali (dal Brescia), Kwadwo Asamoah e Mauricio Isla (entrambi dall’Udinese). Tra il vertice col Pescara per Marco Verratti e quello col Bologna per Pasquato, l’ad bianconero si è appartato col collega gialloblù Pietro Leonardi. Un confronto approfondito, nel quale si è parlato di cifre (20 milioni la valutazione del giocatore) e si è cominciato a discutere anche di eventuali contropartite. Già, perché l’obiettivo della Juventus è quello di riscattare la seconda metà del cartellino inserendo qualche giocatore per ridurre i contanti. In Emilia sono apprezzati i centrocampisti Manuel Giandonato (ultima stagione in prestito a Lecce), Albin Ekdal (a metà col Cagliari) e Omar El Kaddouri (in arrivo dal Brescia), senza dimenticare Michele Pazienza, rientrato alla Juventus dopo i sei mesi in Friuli (il centrocampista è richiesto anche in Spagna e Germania). Occhio, poi, all’evolversi della trattativa tra Juventus e Atalanta per Manolo Gabbiadini. In caso di fumata bianca, Marotta potrebbe inserire nell’operazione (in prestito o comproprietà) il promettente centravanti dell’Under 21. Un gioco ad incastri (di qualità) che l’ad bianconero aveva ipotizzato inizialmente anche per arrivare a Marco Verratti.

Nessun commento: