venerdì 11 maggio 2012

Conte a caccia di Capello. Il record d'imbattibilità a 43

La forza dei numeri. Potenti, unici e incontestabili. Antonio Conte non solo ha portato la Juventus a rivincere lo scudetto dopo una dieta rigorosa lunga sei anni. L’ha anche avvicinata a un passo dalla coppa Italia, che si giocherà il 20 maggio a Roma contro il Napoli. Due traguardi conquistati con una determinazione unica come ricordano le statistiche. Da quando il tecnico si è seduto sulla panchina della Juventus non ha perso una sola partita ufficiale: solo vittorie o pareggi. Una squadra di invincibili che da luglio, quando ha cominciato a conoscersi e allenarsi nel ritiro di Bardonecchia, non ha conosciuto l’onta della sconfitta. E così, a forza di partite positive la striscia si è allungata sino a 41. Quarantuno match ufficiali, tra campionato e coppa Italia, senza ko con la possibilità di arrivare a quota 42 se la gara-passerella con l’Atalanta di domenica, allo Juventus Stadium, non dovesse registrare la sorpresa di un successo dei bergamaschi. A quel punto Conte si sarebbe messo in tasca un altro primato. O meglio, mezzo primato. Già, con i nerazzurri di Colantuono il tecnico della Juventus ha la possibilità di eguagliare il record di imbattibilità consecutiva stabilito da Fabio Capello alla guida del Milan a cavallo tra il ‘92 e il ‘93.

Nessun commento: