giovedì 1 marzo 2012

Marchisio: «Attenzione al Chievo»

Svegliarsi con il sapore amaro della sconfitta. Una sensazione di cui i giocatori della Juventus hanno fortunatamente perso l’abitudine. Imbattuti in campionato e in Coppa Italia, i bianconeri – in particolare gli italiani - hanno dovuto subire un ko ieri sera in Nazionale, battuti dagli Stati Uniti. Una sconfitta indolore, maturata in amichevole, che però tutti hanno voglia di cancellare in fretta. Ributtandosi a capofitto nell’avventura juventina. Juventus e Nazionale, due realtà che in un certo senso possono essere accomunate. In particolare l’ha fatto Claudio Marchisio, nel corso di un’intervista rilasciata a Sky Sport. «Io sono ottimista per la Juventus e per la Nazionale. In entrambe le realtà abbiamo un grande gruppo. Con la maglia azzurra abbiamo fatto benissimo in questi due anni e per questo sono fiducioso in vista degli Europei. Con il club, nessuno si aspettava un campionato così da noi, grazie al sacrificio abbiamo fatto passi da gigante». La parentesi azzurra può quindi già essere mandata in archivio. Ma dopo aver svolto un compito importante: distolto l’attenzione di tutti dal campionato, in particolare dagli strascichi di Milan-Juventus. «In questi giorni – continua Claudio – abbiamo pensato solo all’amichevole contro gli Stati Uniti. Partite importanti come quelle di sabato scorso fanno parlare per tanti giorni, prima e dopo. Ora è passata e noi vogliamo pensare solo al futuro, quindi al Chievo. Sappiamo che non sarà facile, affrontiamo una squadra che non cambia se gioca in casa o fuori, si difende bene e sa ripartire con attaccanti veloci. Non ci sarà Pellissier, ma i possibili pericoli non mancheranno». Contro i veronesi, la Juventus vuole continuare la striscia casalinga e iniziare al meglio il trittico che comprende anche il recupero con il Bologna di mercoledì e la sfida di domenica prossima in casa del Genoa. «Dopo Milan-Juventus non cambia niente per noi. A Milano non abbiamo mai mollato e così dobbiamo continuare a fare in campionato per non rovinare tutto. Abbiamo fiducia in noi stessi e sappiamo di poter lottare fino alla fine sui due fronti. Il Milan ha ancora qualcosa più di noi, ma finora abbiamo sopperito sul campo con il gruppo».

Nessun commento: